Whole Woman's Health contro Hellerstedt - Whole Woman's Health v. Hellerstedt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Whole Woman's Health v. Hellerstedt
Sigillo della Corte Suprema degli Stati Uniti
Discussione 2 marzo 2016 Decisione
27 giugno 2016
Nome completo del caso Salute di tutta la donna; Centro per la salute delle donne di Austin; Centro per la salute delle donne di Killeen; Nova Health Systems d / b / a Servizi riproduttivi; Sherwood C. Lynn, Jr., MD; Pamela J. Richter, DO; e Lendol L. Davis, MD, a nome di se stessi e dei loro pazienti, firmatari contro John Hellerstedt, MD, Commissario del Dipartimento dei servizi sanitari statali del Texas ; Mari Robinson, direttore esecutivo del Texas Medical Board , nelle loro capacità ufficiali
Docket no. 15-274
Citazioni 579 US ___ ( più )
136 S. Ct. 2292; 195 L. Ed. 2d 665
Annuncio di opinione Annuncio di opinione
Caso storico
Prior Ingiunzione concessa , 46 F. Supp. 3d 673 , (WD Tex.2014), ingiunzione di soggiorno , 769 F.3d 285 (5 ° Cir.), Parzialmente liberato , 135 S. Ct. 399 (2014), aff'd in parte, vacante in parte, rev'd in parte , 790 F.3d 563 (5 ° Cir.) , Mandato sospeso in attesa del giudizio 135 S. Ct. 2923 (2015), cert. concesso , 136 S. Ct. 499 (2015).
Holding
Sia i privilegi di ammissione che i requisiti del centro chirurgico pongono un ostacolo sostanziale sul percorso delle donne che cercano un aborto pre-vitale , costituiscono un peso eccessivo per l'accesso all'aborto e quindi violano la Costituzione.
Appartenenza al tribunale
Capo della giustizia
John Roberts
Giudici associati
Anthony Kennedy   · Clarence Thomas
Ruth Bader Ginsburg   · Stephen Breyer
Samuel Alito   · Sonia Sotomayor
Elena Kagan
Opinioni di casi
Maggioranza Breyer, affiancato da Kennedy, Ginsburg, Sotomayor, Kagan
Concorrenza Ginsburg
Dissenso Tommaso
Dissenso Alito, affiancato da Roberts, Thomas
Leggi applicate
Const. modificare. XIV
Texas House Bill 2

Whole Woman's Health v. Hellerstedt , 579 US ___ (2016), è stata una decisione storica della Corte Suprema degli Stati Uniti decisa il 27 giugno 2016. La Corte ha stabilito 5-3 che il Texas non può porre restrizioni alla fornitura di servizi di aborto che creano un onere eccessivo per le donne che cercano un aborto. Il 28 giugno 2016, la Corte Suprema ha rifiutato di ascoltare le contestazioni del Wisconsin e del Mississippi, dove le corti d'appello federali avevano abrogato leggi simili. Anche altri stati con leggi simili potrebbero essere interessati.

sfondo

Nel 2013, il Texas ha approvato una legge, HB 2, che impone una serie di restrizioni alle cliniche per aborti all'interno dello stato. Nel novembre 2013, è entrato in vigore uno dei requisiti di HB 2 secondo cui i fornitori di aborti hanno i privilegi di ammissione in un ospedale entro 30 miglia. Da quando è entrato in vigore il requisito dei privilegi di ammissione, il numero di cliniche per aborti in Texas è sceso da 42 a 19.

La legge richiedeva anche ai fornitori di aborti di soddisfare gli stessi standard dei centri chirurgici ambulatoriali e di migliorare la loro costruzione, sicurezza, parcheggio e personale per soddisfare gli standard di una stanza d'ospedale. Whole Woman's Health, tuttavia, ha ritenuto questi requisiti non necessari e costosi, nonché un tentativo di limitare l'accesso all'aborto piuttosto che fornire sicurezza alle donne. Questa parte della legge è stata applicata in Texas all'inizio di ottobre 2014, ma la sua applicazione è stata sospesa in attesa dell'esito di questo caso. Il Texas aveva rinunciato ad alcuni o tutti i requisiti del centro chirurgico per 336 dei 433 (78%) centri chirurgici ambulatoriali autorizzati in Texas, ma non aveva rinunciato a nessuna parte dei requisiti del centro chirurgico per nessuna delle cliniche abortive dello stato.

Prima causa

Un gruppo di querelanti, tra cui Whole Woman's Health, ha citato in giudizio, portando una sfida facciale alla disposizione dei privilegi di ammissione. Il 28 ottobre 2013, il giorno prima che la legge entrasse in vigore, il giudice Earl Leroy Yeakel III della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale del Texas ad Austin, Texas, ha concesso ai ricorrenti un'ingiunzione che invalidava la disposizione.

Tre giorni dopo, un gruppo di mozioni della Corte d'appello degli Stati Uniti per il quinto circuito composto dai giudici di circuito Priscilla Owen , Jennifer Walker Elrod e Catharina Haynes , ha concesso una sospensione di emergenza dell'ingiunzione, consentendo l'entrata in vigore della legge. Il 19 novembre 2013, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di lasciare il soggiorno, con il giudice Scalia, affiancato dai giudici Thomas e Alito, che scriveva una concordanza e il giudice Breyer, affiancato dai giudici Ginsburg, Sotomayor e Kagan, scrivendo un dissenso. Il 27 marzo 2014, il giudice di circuito Edith Jones , affiancato dai giudici Elrod e Haynes, ha confermato la disposizione contestata. Whole Woman's Health non ha presentato una petizione alla Corte Suprema degli Stati Uniti per un atto di certiorari .

Seconda causa

Il 6 aprile 2014, Whole Woman's Health ha intentato una nuova causa, ora cercando di bloccare la disposizione dei privilegi di ammissione applicata a Whole Woman's Health a McAllen, Texas e Nova Health Systems a El Paso, Texas , nonché di bloccare la fornitura del centro chirurgico in tutto il Texas. Il tribunale ha tenuto un processo al banco di quattro giorni e il 29 agosto 2014, il giudice Yeakel ha emesso un'ingiunzione a livello statale che impedisce l'esecuzione di entrambe le disposizioni.

Il 2 ottobre 2014, il giudice di circuito Elrod, affiancato dal giudice Jerry Edwin Smith e con Stephen A. Higginson in parte dissenziente, ha sospeso l'ingiunzione del tribunale inferiore in attesa di appello. Il 14 ottobre 2014, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha liberato il Quinto Circuito, reimponendo l'ingiunzione di blocco della legge, su un dissenso dei giudici Scalia, Thomas e Alito. Il 9 giugno 2015, i giudici di circoscrizione Edward C. Prado , Elrod e Haynes, in una decisione anonima per curiam , hanno ritenuto nel merito che le due disposizioni erano costituzionali.

Il Quinto Circuito ha annullato l'ordine del tribunale che proteggeva la clinica di El Paso, ma ha confermato l'ordine che proteggeva la clinica McAllen. La giuria di tre giudici ha confermato la maggioranza della legge del Texas. Il pannello ha ritenuto che la legge era costituzionale sotto Planned Parenthood v. Casey ' normale onere eccessivo s perché la legge 'non pone un ostacolo sostanziale percorso di quelle donne in cerca di un aborto'.

Corte Suprema

Prima che l'HB 2 potesse avere effetto, i firmatari hanno chiesto una sospensione della Corte suprema. Il 29 giugno 2015, il tribunale ha concesso un soggiorno temporaneo con un voto di 5–4 e successivamente ha concesso un soggiorno a tempo indeterminato. Il giudice capo John Roberts e i giudici Antonin Scalia , Clarence Thomas e Samuel Alito avrebbero negato il soggiorno. Il 13 novembre 2015 il tribunale ha rilasciato un atto di certiorari per riesaminare la tenuta del Quinto Circuito. Oltre ottanta atti di amicus curiae sono stati depositati presso la Corte, tra cui uno firmato da importanti avvocatesse che affermavano di aver abortito ciascuna e la decisione aveva aperto la strada alla loro carriera legale. Una richiesta di concorso a sostegno della legge del Texas è stata presentata per conto di donne che hanno affermato di aver subito danni psicologici o fisici a causa dei loro aborti. Il 13 febbraio 2016, il giudice Scalia è morto, lasciando otto giudici ad esaminare il caso. Novanta minuti di discussioni orali sono stati ascoltati il ​​2 marzo 2016, con Scott Keller, il procuratore generale del Texas , che è apparso per lo stato, Stephanie Toti del Center for Reproductive Rights che è apparso per Whole Woman's Health, e Donald B. Verrilli Jr. , il Solicitor General degli Stati Uniti , che appare come amico della corte a sostegno della clinica.

Durante la fase di interrogatorio delle argomentazioni orali, la parte liberale della corte, inclusi i giudici Ruth Bader Ginsburg , Stephen Breyer , Sonia Sotomayor ed Elena Kagan , ha messo in dubbio la vera intenzione della legge e la giustificazione del Texas per essa. Il procuratore generale del Texas Scott Keller ha sostenuto che le donne che vivevano lontano dalle cliniche per aborti del Texas - a causa della chiusura di molte cliniche per aborti che lottavano per conformarsi agli standard del requisito - non erano indebitamente gravate nell'ottenere l'accesso agli aborti perché potevano accedere alle cliniche nel New Mexico , uno stato con standard più clementi. In risposta, il giudice Ginsburg ha osservato: "Quindi, se la tua argomentazione è corretta, allora il New Mexico non è una via d'uscita disponibile per il Texas, perché il Texas dice: per proteggere le nostre donne, abbiamo bisogno di queste cose. Ma mandale in New Mexico .. . e va benissimo. "

Parere della Corte

Il giudice Stephen Breyer è stato l'autore del parere della Corte.

Il 27 giugno 2016, la Corte ha stabilito con un voto di 5–3 che il Texas non può porre restrizioni alla fornitura di servizi di aborto che creano un onere indebito per le donne che cercano un aborto, e quindi le sezioni della legge del Texas HB 2 qui contestate non sono valide . In un parere scritto dal giudice Stephen Breyer , il tribunale ha annullato le disposizioni chiave della legge - quelle che richiedono ai medici che praticano aborti di avere "privilegi di ammissione" difficili da ottenere in un ospedale locale e che richiedono alle cliniche di avere un costoso grado ospedaliero strutture –– come una violazione del diritto di una donna all'aborto. Osservando che queste disposizioni non offrono prestazioni mediche sufficienti a giustificare gli oneri all'accesso che ciascuna impone, la maggioranza ha concluso: "Ciascuna pone un ostacolo sostanziale sul percorso delle donne che cercano un aborto pre-vitale, ciascuna costituisce un onere indebito per l'accesso all'aborto , e ciascuno viola la Costituzione federale ". Il parere della maggioranza ha cancellato "facialmente" entrambe le disposizioni, vale a dire che le stesse parole delle disposizioni sono invalide, indipendentemente da come potrebbero essere attuate o applicate. Secondo la sentenza, il compito di giudicare se una legge imponga un onere incostituzionale al diritto di una donna all'aborto spetta ai tribunali e non ai legislatori.

Il giudice Breyer ha scritto: "Non abbiamo trovato nulla nelle prove del Texas che dimostri che, rispetto alla legge precedente (che richiedeva un" accordo di lavoro "con un medico con privilegi di ammissione), la nuova legge ha promosso il legittimo interesse del Texas a proteggere la salute delle donne . " Ha osservato che, quando gli è stato chiesto in una discussione orale se il Texas fosse a conoscenza di un singolo caso in cui il nuovo requisito avrebbe aiutato anche una donna a ottenere un trattamento migliore, il Texas ha ammesso che non c'erano prove nel verbale di un caso del genere. Ha scoperto che, se l'HB 2 fosse autorizzato ad avere pieno effetto, il numero di donne texane che vivono a più di 200 miglia dalla clinica abortista più vicina aumenterebbe da 10.000 a 750.000.

Il giudice Breyer ha respinto l'affermazione dello Stato secondo cui il caso Kermit Gosnell in Pennsylvania giustificava una regolamentazione aggiuntiva: "Il comportamento di Gosnell era terribilmente sbagliato. Ma non c'è motivo di credere che un ulteriore livello di regolamentazione avrebbe influenzato quel comportamento. Colpevoli determinati, già ignorando gli statuti esistenti e misure di sicurezza, è improbabile che sia convinto ad adottare pratiche sicure da una nuova sovrapposizione di regolamenti. Indipendentemente da ciò, i deplorevoli crimini di Gosnell potevano sfuggire al rilevamento solo perché la sua struttura non è stata ispezionata per più di 15 anni. La legge preesistente del Texas conteneva già numerosi regolamenti dettagliati che riguardano le strutture per l'aborto, incluso il requisito che le strutture siano ispezionate almeno una volta all'anno ".

Concorrenza

In una concomitanza di due pagine, il giudice Ginsburg ha scritto: "Molte procedure mediche, compreso il parto, sono molto più pericolose per i pazienti, ma non sono soggette ai requisiti di privilegi di ammissione da parte di un centro chirurgico ambulatoriale o di un ospedale ... Date queste realtà, è al di là della credenza razionale che HB 2 possa veramente proteggere la salute delle donne, ed è certo che la legge "renderebbe semplicemente più difficile per loro ottenere l'aborto". ... Quando uno Stato limita gravemente l'accesso a procedure legali e sicure, le donne in circostanze disperate possono ricorrere a professionisti disonesti senza licenza. ... [L] aws come HB 2 che 'fanno poco o niente per la salute, ma piuttosto diffondono ostacoli alla l'aborto "non può sopravvivere all'ispezione giudiziaria".

Dissensi

Il giudice Thomas ha presentato un'opinione dissenziente, affermando che la maggioranza "reinventa lo standard di indebito carico" per l'accesso all'aborto, creando un "test di bilanciamento benefici e oneri" che i tribunali avrebbero invece dovuto deferire alle legislature per risolvere. Il giudice Alito, affiancato dal presidente della Corte Suprema Roberts e dal giudice Thomas, ha presentato una seconda opinione dissenziente, sostenendo che non esiste un nesso causale diretto tra la legge del Texas e la chiusura delle cliniche per aborti, e potrebbero anche essere state colpite dal ritiro dei fondi statali , diminuzione della domanda di aborti e pensionamenti dei medici. Alito ha anche affermato che il Texas potrebbe essere stato motivato a proteggere le donne dal caso Kermit Gosnell in Pennsylvania, in cui un medico era stato condannato con tre accuse di omicidio e uno di omicidio colposo.

Sviluppi successivi

Ricezione

L'ex Segretario di Stato americano Hillary Clinton ha elogiato la decisione come una vittoria per le donne, dicendo: "Abbattendo le restrizioni politicamente motivate che rendevano quasi impossibile per i texani esercitare i loro pieni diritti riproduttivi, la Corte ha sostenuto il diritto di ogni donna all'aborto sicuro e legale, non importa dove vive. " Il presidente Obama ha rilasciato una dichiarazione in cui applaude la decisione della Corte e ribadisce il suo impegno per "la salute delle donne, inclusa la protezione dell'accesso di una donna a un'assistenza sanitaria sicura e conveniente e il suo diritto di determinare il proprio futuro". Il senatore Bernie Sanders ha applaudito la decisione, definendola una "vittoria decisiva per le donne di tutto il paese".

Il senatore Ted Cruz ha espresso disappunto per la sentenza, dicendo che "la Corte Suprema si è schierata con gli estremisti dell'aborto che si preoccupano più di fornire l'aborto su richiesta che di proteggere la salute delle donne". Ha anche promesso di lottare per la "vita non ancora nata".

Una dichiarazione rilasciata a nome dei vescovi della Chiesa cattolica in Texas afferma che la decisione "mette le donne a grave rischio" perché "L'aborto chirurgico è una procedura invasiva che pone numerose e gravi complicazioni mediche. Lo stato ha un legittimo interesse a garantire il massimo livello di sicurezza per la donna sottoposta alla procedura e che siano disponibili cure di emergenza valide se si verificano complicazioni come emorragia, infezione, perforazione uterina, coaguli di sangue, lacrime cervicali o reazioni allergiche. È irresponsabile per i medici eseguire questa procedura senza essere in grado di fornire un trattamento di follow-up per le complicanze associate ".

La decisione potrebbe influire su restrizioni simili all'accesso all'aborto in altri stati. Steve Vladeck , professore di diritto presso l' American University Washington College of Law , ha dichiarato:

Chiarendo esattamente cosa richiede il test di `` onere indebito '' , sospetto che la maggioranza sperava di dissuadere stati come l'Oklahoma dal continuare ad approvare leggi che sfidano così direttamente la premessa centrale di Roe v. Wade - che la Costituzione protegge i diritti di una donna incinta ad un aborto in una percentuale significativa di casi,

Anche Vladeck ha aggiunto quello

nel processo, la Corte oggi ha messo in discussione qualsiasi cosa, dai divieti categorici sugli aborti alle cosiddette restrizioni del `` battito cardiaco fetale '', e forse molte altre leggi intermedie,

Altri casi

Al momento della decisione, cinque stati richiedevano che le cliniche per aborti operassero secondo standard "simili a ospedali": Michigan, Missouri, Pennsylvania, Virginia e Tennessee, sebbene nell'ultimo di questi un ordine del tribunale ne impedisse l'esecuzione. Nove stati richiedevano ai medici di avere privilegi di ammissione all'ospedale, di cui tre facevano rispettare tale requisito (North Dakota, Missouri e Tennessee) e sei non lo erano (Wisconsin, Kansas, Oklahoma, Louisiana, Mississippi e Alabama).

Poche ore dopo che la Corte Suprema ha annunciato la sua sentenza, il procuratore generale dell'Alabama Luther Strange ha annunciato che avrebbe ritirato il suo appello contro una sentenza del tribunale distrettuale degli Stati Uniti che aveva invalidato l'ospedale statale che ammetteva i requisiti dei privilegi per i fornitori di aborto. Il 28 giugno 2016, la Corte Suprema ha rifiutato i ricorsi in casi correlati da Wisconsin e Mississippi. Ha stabilito che lo stato di Washington può richiedere ai farmacisti di compilare le prescrizioni per i contraccettivi a cui hanno obiezioni religiose. Il giudice Alito, in un dissenso raggiunto dal presidente della Corte Suprema Roberts e dal giudice Thomas, ha scritto: "Se questo è un segno di come le rivendicazioni sulla libertà religiosa saranno trattate negli anni a venire, coloro che apprezzano la libertà religiosa hanno motivo di grande preoccupazione". La corte ha anche respinto gli appelli del Mississippi e del Wisconsin che cercavano di richiedere ai fornitori di aborti di avere privilegi di ammissione all'ospedale.

La Louisiana aveva approvato l'Atto 620 nel 2014, sul modello della legge del Texas che richiederebbe ai medici di avere privilegi di ammissione in un ospedale entro 30 miglia, riducendo di fatto il numero di cliniche legali a uno al momento del passaggio. La legge è stata contestata dalle cliniche abortiste e dai medici in June Medical Services, LLC contro Russo , e mentre il tribunale distrettuale ha ordinato un'ingiunzione per impedire che la legge entrasse in vigore, il Quinto Circuito ha annullato l'ingiunzione. I querelanti hanno ottenuto una sospensione d'urgenza della decisione del Quinto Circuito dalla Corte Suprema mentre Whole Woman's Health era in causa. In seguito alla decisione di questo caso, la legge della Louisiana è stata dichiarata incostituzionale dalla Corte distrettuale sul riesame sulla base di Whole Woman's Health , ma il Quinto Circuito ha nuovamente annullato la decisione. I querelanti hanno nuovamente chiesto alla Corte Suprema un ordine di sospensione d'urgenza. Il 7 febbraio 2019, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha concesso una sospensione e ingiunto temporaneamente allo stato della Louisiana di far rispettare la legge mentre i ricorrenti impugnano la decisione del Quinto Circuito. La Corte Suprema ha stabilito il 29 giugno 2020 che la legge della Louisiana era altrettanto incostituzionale, con Roberts come voto decisivo. Roberts ha mantenuto la sua posizione di dissenso nell'opinione della corte, ma ha confermato il giudizio di incostituzionalità come riscontrato in Whole Woman's Health come una questione di precedenti giudiziari.

Guarda anche

Appunti

Riferimenti

Ulteriore lettura

link esterno