LessicoNexis - LexisNexis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
LexisNexis
genere Filiale
Industria Pubblicazione
Fondato 1970
Sede centrale Helmsley Building , New York City
Stati Uniti
Prodotti Giurisprudenza, articoli, pubblicazioni, notizie, atti giudiziari, marketing per avvocati, strumenti di gestione degli studi legali, strumenti di monitoraggio dei media, strumenti di gestione delle forniture, soluzioni di intelligence sulle vendite e strumenti di market intelligence
Numero di dipendenti
10.000
Genitore RELX
Sito web Lexisnexis.com

LexisNexis è una società che vende piattaforme di data mining attraverso portali online, ricerca legale assistita da computer (CALR) e informazioni su vaste aree di consumatori in tutto il mondo. Durante gli anni '70, LexisNexis ha iniziato a rendere i documenti legali e giornalistici più accessibili elettronicamente. A partire dal 2006, l'azienda disponeva del più grande database elettronico al mondo per informazioni legali e relative ai registri pubblici.

Storia

Ufficio LexisNexis a Markham, un sobborgo di Toronto, Ontario, Canada

LexisNexis è di proprietà di RELX (precedentemente noto come Reed Elsevier).

Secondo Trudi Bellardo Hahn e Charles P. Bourne, LexisNexis (originariamente fondato come LEXIS) è storicamente significativo perché è stato il primo dei primi servizi di informazione a realizzare effettivamente la visione di un futuro in cui grandi popolazioni di utenti finali avrebbero interagito direttamente con database informatici, piuttosto che passare attraverso intermediari professionali come i bibliotecari. Altri servizi di informazione dei primi anni '70 si scontrarono con vincoli finanziari, strutturali e tecnologici e furono costretti a ripiegare sul modello dell'intermediario professionale fino all'inizio degli anni '90.

La storia di LexisNexis inizia nella Pennsylvania occidentale nel 1956, quando l'avvocato John Horty iniziò a esplorare l'uso della tecnologia CALR a sostegno del suo lavoro sul diritto ospedaliero comparato presso l' Università di Pittsburgh Health Law Center . Horty fu sorpreso di scoprire fino a che punto le leggi che regolano l'amministrazione ospedaliera variassero da uno stato all'altro negli Stati Uniti e iniziò a costruire un database informatico per aiutarlo a tenere traccia di tutto.

Nel 1965, il lavoro pionieristico di Horty ha ispirato l' Ohio State Bar Association (OSBA) a sviluppare un proprio sistema CALR separato, Ohio Bar Automated Research (OBAR). Nel 1967, l'OSBA firmò un contratto con Data Corporation, un appaltatore della difesa locale, per costruire OBAR sulla base delle specifiche scritte dell'OSBA. Data ha proceduto all'implementazione di OBAR su Data Central, un sistema di ricerca full-text interattivo originariamente sviluppato nel 1964 come Recon Central per aiutare gli analisti dell'intelligence dell'aeronautica statunitense a cercare i riepiloghi testuali dei contenuti delle fotografie di ricognizione aerea e satellitare. (Prima che la computer vision fosse inventata, i riassunti testuali venivano preparati manualmente da personale arruolato chiamato "fotointerpreti"; gli analisti usavano poi quei riassunti come un catalogo per recuperare fotografie da cui trarre deduzioni sulla strategia del nemico.)

Nel 1968, il produttore di carta Mead Corporation ha acquistato Data Corporation per $ 6 milioni per ottenere il controllo della sua tecnologia di stampa a getto d'inchiostro . Mead ha assunto la società di consulenza Arthur D. Little per studiare le possibilità di business per la tecnologia Data Central. Arthur D. Little ha inviato un team di consulenti da New York all'Ohio guidato da H. Donald Wilson . Mead ha chiesto un avvocato praticante nella squadra, quindi la squadra includeva Jerome Rubin, un avvocato formato ad Harvard con 20 anni di esperienza. Lo studio risultante ha concluso che il mercato non legale era inesistente, il mercato legale aveva un potenziale e OBAR doveva essere ricostruito per sfruttare con profitto quel mercato. All'epoca, le ricerche OBAR richiedevano spesso fino a cinque ore per essere completate se più di un utente era online e i suoi terminali originali erano Teletype rumorosi con velocità di trasmissione lente di 10 caratteri al secondo. I terminali OBAR originali sono stati sostituiti tardivamente con terminali di testo CRT nel 1970. Anche OBAR ha avuto problemi di controllo della qualità; Rubin in seguito ha ricordato che i suoi dati erano "inaccettabilmente sporchi".

Nel febbraio 1970, Mead riorganizzò la divisione dei sistemi informativi della Data Corporation in una nuova filiale di Mead chiamata Mead Data Central (MDC). Wilson e Rubin, rispettivamente, furono insediati come presidente e vicepresidente. Un anno dopo, Mead rilevò gli interessi dell'OSBA nel progetto OBAR, e OBAR scompare dal registro storico dopo quel momento.

Dopo che Wilson è stato messo in carica, si è rivelato troppo riluttante ad attuare la dura raccomandazione del suo stesso studio di abbandonare completamente il lavoro OBAR/Data Central fino ad oggi e ricominciare da capo. Nel settembre 1971, il management stufo di Mead relegò Wilson a vicepresidente del consiglio (vale a dire, un ruolo non operativo) ed elevò Rubin a presidente di MDC. Rubin respinse prontamente la vecchia tecnologia Data Central alla Mead Corporation. Sotto una divisione di nuova organizzazione, Mead Technical Laboratories, Data Central ha continuato a operare come ufficio di servizi per applicazioni non legali fino al 1980.

Il vecchio logo LexisNexis

Fatto ciò, Rubin ha assunto un nuovo team per costruire da zero un servizio di informazioni completamente nuovo dedicato esclusivamente alla ricerca legale . Ha coniato un nuovo nome: LEXIS, da "lex", la parola latina per legge, e "IS" per "servizio di informazione". Dopo diverse iterazioni, le specifiche funzionali e prestazionali originali furono finalizzate da Rubin e dal vicepresidente esecutivo Bob Bennett entro la fine dell'estate del 1972. Il progettista del sistema Edward Gottsman supervisionò l'implementazione delle specifiche come codice informatico funzionante . Allo stesso tempo, Rubin e Bennett hanno anche orchestrato la necessaria digitazione dei materiali legali da fornire tramite LEXIS e progettato un piano aziendale, una strategia di marketing e un programma di formazione. La sede aziendale di MDC è stata trasferita a New York City, mentre il data center è rimasto a Dayton, Ohio .

Come notato sopra, Lexis è stato il primo servizio di informazioni a servire direttamente gli utenti finali. Rubin in seguito spiegò che stavano cercando di "infrangere la barriera del bibliotecario. Il nostro obiettivo era mettere un terminale LEXIS sulla scrivania di ogni avvocato". Per persuadere gli avvocati americani a utilizzare LEXIS (in un'epoca in cui l'alfabetizzazione informatica era rara), MDC li ha presi di mira con campagne di marketing, vendite e formazione aggressive.

Il 2 aprile 1973, MDC ha lanciato pubblicamente LEXIS in una conferenza stampa a New York City, con biblioteche di giurisprudenza di New York e Ohio, nonché una biblioteca separata di materiali fiscali federali. Alla fine di quell'anno, il database LEXIS aveva raggiunto una dimensione di due miliardi di caratteri e aveva aggiunto l'intero Codice degli Stati Uniti , nonché i Rapporti degli Stati Uniti dal 1938 al 1973.

Nel 1974, LEXIS era in esecuzione su un computer IBM 370/155 in Ohio supportato da un set di unità di archiviazione su disco IBM 3330 in grado di memorizzare fino a circa 4 miliardi di caratteri. Il suo processore di comunicazione può gestire 62 terminali contemporaneamente con una velocità di trasmissione di 120 caratteri al secondo per utente. Su questa piattaforma, LEXIS è stata in grado di eseguire oltre il 90% delle ricerche in meno di cinque secondi. Oltre 100 terminali di testo sono stati installati in vari uffici legali (ad esempio, studi legali e agenzie governative) e c'erano già oltre 4.000 utenti LEXIS formati.

Nel 1975, il database LEXIS era cresciuto fino a 5 miliardi di caratteri e poteva gestire fino a 200 terminali contemporaneamente. Nel 1976, il database LEXIS includeva la giurisprudenza di sei stati, oltre a vari materiali federali. MDC ha realizzato un profitto per la prima volta nel 1977.

Nel 1980, LEXIS ha completato il suo database elettronico con chiavi manuali di tutti i casi federali e statali degli Stati Uniti esistenti. Il servizio NEXIS, aggiunto quello stesso anno, ha fornito ai giornalisti un database ricercabile di articoli di notizie.

Nel settembre 1981, Rubin e molti dei suoi alleati (inclusi Bennett e Gottsman) lasciarono Mead Data Central per perseguire altre opportunità.

Quando Toyota lanciò la linea di veicoli di lusso Lexus nel 1987, Mead Data Central fece causa per violazione del marchio sulla base del fatto che i consumatori di prodotti di lusso (come gli avvocati) avrebbero confuso "Lexus" con "Lexis". Un sondaggio di ricerca di mercato ha chiesto ai consumatori di identificare la parola parlata "Lexis". I risultati dell'indagine hanno mostrato che un numero nominale di persone pensava al sistema informatico di ricerca legale; un numero altrettanto piccolo pensava alla divisione auto di lusso di Toyota. Un giudice si è pronunciato contro Toyota e la società ha impugnato la decisione. Mead perse in appello nel 1989, quando la Corte d'Appello del 2° Circuito ritenne che ci fossero poche possibilità di confusione tra i consumatori. Oggi le due società hanno un rapporto d'affari amichevole e nel 2002 hanno implementato una promozione congiunta chiamata "Vinci una Lexus su Lexis!"

Nel 1988, Mead ha acquisito la Michie Company, un editore legale, da Macmillan .

Nel dicembre 1994, Mead vendette il sistema LexisNexis a Reed Elsevier per 1,5 miliardi di dollari. Lo stato americano dell'Illinois ha successivamente verificato le dichiarazioni dei redditi di Mead e ha addebitato a Mead ulteriori 4 milioni di dollari di imposta sul reddito e sanzioni per la vendita di LexisNexis; Mead ha pagato la tassa in segno di protesta, poi ha chiesto un rimborso in un tribunale dello stato dell'Illinois. Il 15 aprile 2008, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha concordato con Mead che i tribunali dell'Illinois avevano applicato erroneamente i precedenti della Corte sulla possibilità che l'Illinois potesse costituzionalmente applicare la sua imposta sul reddito a Mead, una società fuori dallo stato con sede in Ohio. La Corte ha annullato e rinviato a giudizio in modo che i tribunali inferiori potessero applicare il criterio corretto e determinare se Mead e Lexis fossero un'attività "unitaria".

Nel 1998, Reed Elsevier ha acquisito Citations di Shepard e l'ha resa parte di LexisNexis. Prima che apparissero citazioni elettroniche come KeyCite di Westlaw, Shepard era l'unico servizio di citazione legale che tentava di fornire una copertura completa della legge americana .

Nel febbraio 2020, LexisNexis ha trasferito i suoi servizi di database all'architettura cloud di Amazon Web Services e ha chiuso i suoi mainframe e server legacy.

acquisizioni

Nel 2000, LexisNexis ha acquistato RiskWise, una società di St. Cloud, Minnesota . Sempre nel 2000, la società ha acquisito l'editore legale americano Matthew Bender da Times Mirror . Nel 2002 ha acquisito una società canadese di database di ricerca, Quicklaw . Nel 2002, LexisNexis ha acquisito l'editore legale dell'Ohio Anderson Publishing. Nel 2004, Reed Elsevier Group, società madre di LexisNexis, ha acquistato Seisint, Inc, dal fondatore Michael Brauser di Boca Raton, Florida . Seisint ospitava e gestiva il Multistate Anti-Terrorism Information Exchange (MATRIX).

Il 9 marzo 2005, LexisNexis ha annunciato il possibile furto di informazioni personali di alcuni utenti di Seisint. Inizialmente si stimava che fossero stati colpiti 32.000 utenti, ma il numero è notevolmente aumentato fino a superare i 310.000. Le persone colpite hanno ricevuto un'assicurazione gratuita contro le frodi e rapporti dell'agenzia di credito per un anno. Tuttavia, non è stata riscontrata alcuna segnalazione di furto di identità o frode derivante dalla violazione della sicurezza.

Nel febbraio 2008, Reed Elsevier ha acquistato l'aggregatore di dati ChoicePoint (precedente simbolo ticker NYSE CPS) in un accordo in contanti per US $ 3,6 miliardi. La società è stata rinominata LexisNexis Risk Solutions .

Nel 2013, LexisNexis, insieme a Reed Elsevier Properties SA, ha acquisito i marchi editoriali e le attività di Sheshunoff e AS Pratt da Thompson Media Group .

Sheshunoff Information Services , AS Pratt, & Alex Information (collettivamente, SIS), fondata nel 1972, è una società di editoria cartacea ed elettronica che fornisce informazioni ai professionisti finanziari e legali del settore bancario, nonché formazione online e strumenti per le istituzioni finanziarie . SIS è stata fondata nel 1971 da Alex e Gabrielle Sheshunoff. La società è stata riconosciuta per aver fornito orientamento e analisi al settore bancario. Nel 1988 Thompson Media, una divisione di Thompson Reuters, ha acquisito l'azienda. Separatamente, gli Sheshunoff iniziarono a pubblicare i prodotti Alex Information.

Nel 1995, SIS ha acquisito AS Pratt & Sons. Fondata nel 1933, si ritiene che Pratt's Letter sia la seconda newsletter più antica pubblicata ininterrottamente nel paese dietro la Washington Letter di Kiplinger , che iniziò la pubblicazione nel 1923. AS Pratt è un fornitore di leggi normative e strumenti di lavoro di conformità per il settore dei servizi finanziari.

Gabrielle Sheshunoff è tornata nel 2004 per unire i marchi AlexInformation, Sheshunoff e AS Pratt prima di essere venduta a Thompson nel 2008.

Nel novembre 2014, LexisNexis Risk Solutions ha acquistato Health Market Science (HMS), un fornitore di dati sugli operatori sanitari statunitensi.

Prodotti commerciali

I servizi LexisNexis vengono forniti tramite due siti Web che richiedono abbonamenti a pagamento separati .

Nel 2000, Lexis ha iniziato a creare una libreria di brief e mozioni. Oltre a ciò, Lexis dispone anche di biblioteche di statuti, sentenze di casi e pareri per giurisdizioni come Francia , Australia , Canada, Hong Kong , Sudafrica e Regno Unito , nonché banche dati di riviste giuridiche e articoli di riviste giuridiche per i paesi per i quali i materiali sono disponibili.

In precedenza, LexisNexis aveva una versione gratuita ridotta (nota come LexisOne), ma questa è stata interrotta e sostituita da Lexis Communities, che fornisce notizie e blog in una varietà di aree legali.

Time Matters è un'offerta di software a marchio LexisNexis. Lexis per Microsoft Office è un'offerta di software a marchio LexisNexis.

In Francia, Regno Unito e Australia, LexisNexis pubblica libri, riviste e giornali, sia cartacei che online. I titoli includono Taxation Magazine , Lawyers Weekly e La Semaine Juridique .

LexisNexis UK

L'organizzazione che alla fine divenne LexisNexis UK fu fondata nel 1818 da Henry Butterworth (1786–1860). Fu allievo a Re Enrico VIII Scuola , Coventry . Dopo aver lasciato Coventry fu apprendista e, per qualche tempo, lavorò per suo zio Joseph Butterworth , il grande libraio legale di Fleet Street . Nel 1818, tuttavia, il disaccordo tra loro sui termini della partnership fece sì che Henry si stabilisse per proprio conto all'angolo di Middle Temple Gate (7 Fleet Street), dove divenne il noto libraio Queen's Law.

Butterworths è stata acquisita da International Publishing Corporation nel 1965; IPC è stata acquisita dal Reed Group nel 1970. Heinemann Professional Publishing è stata fusa con Butterworths Scientific nel 1990 per formare Butterworth-Heinemann . L'attività editoriale di Butterworths è ora di proprietà e gestita nel Regno Unito da Reed Elsevier (UK) Ltd, una società del gruppo Reed Elsevier . Le pubblicazioni continuano ad essere prodotte da RELX (UK) Ltd utilizzando i marchi "LexisNexis", "Butterworths" e " Tolley ". Tali pubblicazioni includono , tra le altre, Halsbury's Laws of England e All England Law Reports .

Il nome Butterworths viene utilizzato anche per pubblicare opere in molti paesi come Canada, Sud Africa, Australia e Nuova Zelanda.

LexisNexis produce anche una gamma di software, servizi e prodotti progettati per supportare l'esercizio della professione legale. Ad esempio, sistemi di gestione dei casi, sistemi di gestione delle relazioni con i clienti ("CRM") e strumenti di correzione di bozze per Microsoft Office.

Altri prodotti

InterAction è un sistema di gestione delle relazioni con i clienti progettato specificamente per società di servizi professionali come studi contabili e legali.

Business Insight Solutions offre notizie e contenuti aziendali e strumenti di market intelligence. È un fornitore globale di notizie e informazioni aziendali e strumenti di intelligence di mercato per i professionisti della gestione del rischio, dei mercati aziendali, politici, dei media e accademici.

Critiche e polemiche

Collaborazione con l'Immigration and Customs Enforcement (ICE) degli Stati Uniti

Nel novembre 2019, studiosi di diritto e attivisti per i diritti umani hanno invitato LexisNexis a cessare il lavoro con l'Immigration and Customs Enforcement degli Stati Uniti perché il loro lavoro contribuisce direttamente alla deportazione di migranti privi di documenti .

Censura

Seguendo le istruzioni delle autorità cinesi, nel 2017 LexisNexis ha ritirato Nexis e LexisNexis Academic dalla Cina.

Premi e riconoscimenti

  • Nel 2010 e nel 2011 la Human Rights Campaign ha riconosciuto LexisNexis come un'azienda che tratta bene i suoi dipendenti lesbiche, gay, bisessuali e transgender.
  • La rivista di formazione ha inserito LexisNexis nella sua lista "Training Top 125" tra il 2007 e il 2010. Nel 2008 l'azienda era al 26° posto, aumentando di 6 posizioni rispetto all'anno precedente, ma nel 2009 era al 71° posto e nel 2010 era al 105°.
  • Nel 2012, Nexis ha vinto il SIIA CODIE Award per la migliore risorsa di informazione politica.
  • Nel 2013, LexisNexis SmartMeeting ha vinto lo Stevie Award per le vendite e il servizio clienti.
  • Nel 2014, LexisDraft ha vinto il SIIA CODIE Award per la migliore soluzione di informazioni aziendali.
  • LexisNexis ha creato l'elenco Almanacco delle questioni di spesa 2014 per 50 fornitori da tenere d'occhio nel settore degli appalti.

Guarda anche

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Graham, Gordon (2006-07-31). Dalla fiducia all'acquisizione: Butterworths 1938-1967: una casa editrice in transizione . Londra: Wildy, Simmonds e Hill Publishing. ISBN 978-1-898029-81-6.

link esterno