NCAA v. Board of Regents dell'Università dell'Oklahoma -NCAA v. Board of Regents of the University of Oklahoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

NCAA v. Board of Regents dell'Università dell'Oklahoma
Sigillo della Corte Suprema degli Stati Uniti
Argomentato il 20 marzo 1984
Deciso il 27 giugno 1984
Nome completo del caso National Collegiate Athletic Association contro Board of Regents dell'Università dell'Oklahoma, et al.
citazioni 468 US 85 ( più )
104 S. Ct. 2948; 82 L. Ed. 2d 70; 1984 USA LEXIS 130
Caso storico
Priore Il Board of Regents dell'Università dell'Oklahoma, et al. v. Associazione atletica collegiale nazionale , 546 F. Supp. 1276 ( WD Okla. 1982), The Board of Regents of the University of Oklahoma, et al. v. National Collegiate Athletic Association , 707 F.2d 1147 ( 10a Cir. 1983); cert . concesso, 464 U.S. 913 (1983).
Successivo Il Board of Regents dell'Università dell'Oklahoma, et al. v. Associazione atletica collegiale nazionale , 601 F. Supp. 307 (WD Okla. 1984)
tenendo
Ritenendo che il piano televisivo della NCAA violasse lo Sherman Anti-Trust Act e costituisse un'irragionevole restrizione al commercio.
Iscrizione al tribunale
Presidente della Corte Suprema
Warren E. Burger
Giudici associati
William J. Brennan Jr.  · Byron White
Thurgood Marshall  · Harry Blackmun
Lewis F. Powell Jr.  · William Rehnquist
John P. Stevens  · Sandra Day O'Connor
Opinioni di casi
Maggioranza Stevens, insieme a Burger, Brennan, Marshall, Blackmun, Powell, O'Connor
Dissenso White, affiancato da Rehnquist
Leggi applicate
15 USC  §§ 17 ; 15 USC  §§ 1227 ; e 29 USC  §§ 5253

NCAA v. Board of Regents of the University of Oklahoma , 468 US 85 (1984), è stato un caso in cui la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ritenuto che ilpiano televisivodella National Collegiate Athletic Association (NCAA) violasse gli Sherman and Clayton Antitrust Acts , che sono stati progettati per vietare le azioni di gruppo che limitano la concorrenza aperta e il commercio.

La NCAA è un'organizzazione che regola l'atletica del college e l'adesione è volontaria, sebbene le scuole NCAA non siano autorizzate a giocare contro squadre non NCAA. Il caso riguardava i diritti televisivi delle partite di football del college, che erano controllate dalla NCAA e limitavano la comparsa di squadre universitarie in ogni stagione. La NCAA credeva che il loro controllo sui diritti televisivi proteggesse la partecipazione dal vivo, cosa contestata da un certo numero di college.

Questi college più grandi hanno formato la College Football Association per negoziare contratti televisivi, fino a quando la NCAA ha avvisato i college che sarebbero stati banditi da tutte le competizioni NCAA, non solo nel calcio. Il Board of Regents della University of Oklahoma e l' Università della Georgia Athletic Association citato in giudizio per forzare la NCAA per fermare la pratica. La Corte Suprema ha ritenuto che le azioni della NCAA fossero una restrizione del commercio e ha stabilito per le università.

sfondo

Legge antitrust

Lo Sherman Antitrust Act è stato emanato nel 1890 per opporsi all'uso di combinazioni, monopoli o cartelli che danneggiavano il commercio libero e aperto. Proibiva la restrizione del commercio . Il Clayton Antitrust Act è stato emanato nel 1914 per affrontare le carenze scoperte nello Sherman Act. Ha specificato la condotta vietata, un regime di applicazione e le misure correttive. Il Clayton Act consente alle parti private di intentare causa per danni tripli e per provvedimento ingiuntivo. Dal 1922 (quando Federal Baseball Club v. National League stabilì che il baseball non era considerato commercio interstatale) fino alla fine degli anni '50, gli eventi sportivi furono considerati esenti da entrambi gli atti, fino alla decisione della Corte Suprema in International Boxing Club v. United States .

Controllo dei giochi televisivi

La National Collegiate Athletics Association (NCAA) è un'organizzazione privata senza scopo di lucro fondata nel 1910 per regolamentare l'atletica collegiale. Negli anni '80 era composto da circa 900 membri di college e università, sebbene solo 187 partecipassero alla Division I di calcio. Nel 1938, la prima partita di football del college fu trasmessa commercialmente dalla University of Pennsylvania . Dal 1940 al 1950, tutte le partite casalinghe della Pennsylvania furono trasmesse in televisione. A partire dal 1952 e continuando fino al 1957, la NCAA ha commissionato uno studio dal National Opinion Research Center per determinare l'effetto della trasmissione televisiva delle partite di football del college su una serie di aree, inclusa la partecipazione dal vivo. Gli studi hanno indicato che la copertura televisiva in diretta del football universitario ha diminuito la partecipazione per le squadre che non venivano trasmesse in televisione. Sulla base di questi studi, la NCAA iniziò a istituire controlli a partire dal 1953 attraverso il suo Football Television Committee (Committee). Il Comitato inizialmente ha stabilito che ci sarebbe stata una sola partita televisiva ogni sabato e che nessuna squadra sarebbe apparsa in una partita televisiva più di una volta a stagione. Inoltre, è stato stabilito che le entrate sarebbero state condivise tra le squadre che giocavano al gioco televisivo e la NCAA.

La restrizione iniziale è stata supportata da tutte le scuole membri della NCAA ad eccezione della Pennsylvania, che ha dichiarato che avrebbero continuato a trasmettere in televisione le partite casalinghe. La NCAA dichiarò che la Pennsylvania era un membro in cattive condizioni e le quattro scuole programmate per suonarli a casa si rifiutarono di farlo. La Pennsylvania ha quindi accettato di rispettare le regole della NCAA sui giochi televisivi. Dal 1952 al 1977, la NCAA ha presentato un piano annuale a tutte le scuole associate, che lo hanno votato per posta. Dopo il 1977, le scuole membri hanno votato sui "Principi di negoziazione" invece del piano vero e proprio. Solo una rete alla volta avrebbe un contratto con la NCAA per trasmettere le partite. Sebbene tutte le principali reti televisive avessero detenuto il contratto in tempi diversi, dal 1965 al 1981, l' American Broadcasting Company (ABC) aveva tenuto il contratto.

Associazione calcistica universitaria

In parte a causa dell'insoddisfazione per il controllo del mercato televisivo da parte della NCAA, è stata costituita la College Football Association (CFA), composta da importanti programmi di calcio universitario. Nel 1979, la CFA, attraverso il suo direttore esecutivo Chuck Neinas , iniziò a negoziare un contratto televisivo per i suoi membri con la National Broadcasting Company (NBC), nonostante le trattative NCAA in corso sia con la ABC che con il Columbia Broadcasting System (CBS). Dopo aver appreso delle trattative della CFA, la NCAA ha emesso una "Interpretazione ufficiale" affermando che "L'Associazione controllerà tutte le forme di trasmissione televisiva delle partite di calcio intercollegiate delle istituzioni membri durante la tradizionale stagione calcistica..." La CFA ha continuato a lavorare su un contratto con la NBC e raggiunse un accordo l'8 agosto 1981. La NCAA dichiarò rapidamente che le università che avevano partecipato al contratto CFA avrebbero dovuto affrontare le sanzioni della NCAA, non solo nel calcio, ma anche in tutti gli altri sport. Due scuole membri del CFA, l'Università dell'Oklahoma e l'Università della Georgia, hanno intentato causa alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Occidentale dell'Oklahoma chiedendo un'ingiunzione per impedire alla NCAA di agire contro i membri della CFA.

tribunale distrettuale

Archiviato l'8 settembre 1981, il giudice distrettuale Lee Roy West si ricusò dal caso, essendo un alunno dell'Università dell'Oklahoma sia per la laurea che per la laurea in giurisprudenza. Il giudice Juan Guerrero Burciaga del New Mexico è stato quindi nominato per esaminare il caso. Durante il processo, la NCAA ha affermato che si trattava di un'organizzazione di volontariato e se i querelanti o altre scuole non volevano rispettare le regole della NCAA, erano liberi di rescindere la loro adesione. È stato dimostrato che la somma di denaro pagata dalla ABC alle squadre che appaiono in televisione è stata stabilita da Thomas C. Hansen, il direttore del programma televisivo NCAA. Le università non erano autorizzate a negoziare le proprie condizioni. Burciaga ha indicato un esempio del controllo e della fissazione dei prezzi osservando che nel 1981, l' Oklahoma e la University of Southern California (entrambe allora classificate tra le prime 5 dell'AP Poll e del Coaches' Poll ) sono apparse su 200 stazioni in una trasmissione regionale . Nello stesso fine settimana, la ABC ha trasmesso in televisione una partita tra The Citadel e Appalachian State su quattro stazioni. Tutte e quattro le squadre hanno ricevuto la stessa somma di denaro per essere apparse.

Burciaga ha scoperto che non solo la NCAA si è impegnata nella fissazione dei prezzi , ma ha agito per limitare la produzione limitando il numero di giochi che potevano essere trasmessi. La NCAA ha inoltre minacciato le università con un boicottaggio di gruppo se non avessero accettato i termini dettati dalla NCAA. Ha notato che la ABC aveva incoraggiato la NCAA a chiedere al Congresso un'esenzione dalle leggi antitrust , ma che la NCAA non credeva di poter ottenere l'esenzione.

Burciaga ha poi esaminato la condotta della NCAA sia sotto la regola per sé che sotto la regola della ragione . Rilevando che la NCAA ha violato le leggi antitrust in entrambe le valutazioni, Burciaga ha emesso sia una sentenza dichiarativa che un'ingiunzione permanente vietando alla NCAA di interferire con i contratti televisivi delle singole università e dichiarando nullo il contratto NCAA-ABC. La NCAA ha quindi impugnato la decisione dinanzi alla Corte d'appello del decimo circuito .

Circuito Corte d'Appello

Il Decimo Circuito ha ascoltato il caso davanti al giudice capo James E. Barrett e ai giudici James K. Logan e Stephanie K. Seymour . In appello, la NCAA ha sostenuto che l'Oklahoma e la Georgia non erano legittimati a intentare la causa, sostenendo che le scuole non avevano subito alcun danno effettivo. Logan, che ha scritto il parere, ha categoricamente respinto tale argomento.

Il tribunale si è quindi rivolto alla questione se il caso dovesse essere valutato secondo la regola di per sé o la regola della ragione. Decidendo sulla regola di per sé , la corte ha respinto gli argomenti della NCAA secondo cui il piano televisivo promuoveva la partecipazione dal vivo, promuoveva una competizione atletica equilibrata e che il calcio televisivo era in competizione con altri programmi non sportivi. La corte ha osservato che il piano della NCAA limitava la produzione e ha affermato la sentenza di per sé del tribunale di primo grado , pur ritenendo che il tribunale distrettuale avesse commesso un errore nel decidere il piano televisivo e il contratto costituisse un boicottaggio di gruppo.

Il giudice capo Barrett dissentì, ritenendo che le restrizioni fossero ragionevoli sotto il dominio della ragione e che la NCAA avesse un interesse schiacciante nel preservare la natura amatoriale dell'atletica intercollegiale. Avrebbe ribaltato il tribunale distrettuale, annullato l'ingiunzione e ritenuto che non vi fosse alcuna violazione dell'antitrust.

La NCAA ha nuovamente presentato ricorso e la Corte Suprema ha concesso a certiorari di esaminare il caso.

Parere della Corte

argomenti

Frank H. Easterbrook ha sostenuto la causa per la NCAA e Andy Coats ha rappresentato l'Oklahoma e la Georgia. Il procuratore generale degli Stati Uniti , Rex E. Lee , ha presentato una memoria amicus curae a sostegno dell'Oklahoma e della Georgia e ha discusso la causa in tribunale. Altre memorie amicus sono state presentate dalla National Federation of State High School Associations (a sostegno della NCAA) e dall'Associazione delle stazioni televisive indipendenti (a sostegno dell'Oklahoma e della Georgia).

Opinione della maggioranza

ritratto della giustizia John Paul Stevens
Il giudice John P. Stevens, autore dell'opinione di maggioranza

Il giudice John Paul Stevens ha espresso il parere della corte. Stevens ha affermato che "Non vi può essere alcun dubbio che le pratiche contestate della NCAA costituiscano una 'restrizione al commercio'", ma ha notato che non tutte le restrizioni al commercio erano irragionevoli e che solo una restrizione irragionevole era proibita dallo Sherman Antitrust Act. Stevens ha osservato che era necessario un organo di governo della lega affinché gli eventi sportivi si svolgessero e ha stabilito che al caso si applicava la regola della ragione, non di per sé le regole. Stevens ha stabilito che, poiché la NCAA ha limitato il prezzo e la produzione, ha creato un sistema che non era correlato a un mercato libero e competitivo. Dal momento che il piano televisivo della NCAA costituiva una restrizione al commercio a prima vista, imponeva alla NCAA l'onere di stabilire una difesa affermativa che giustificasse la deviazione da un libero mercato.

Stevens ha quindi esaminato le giustificazioni offerte dalla NCAA. In primo luogo, sebbene la NCAA sostenesse che il piano televisivo fosse una joint venture , egli notò che, a differenza di Broadcast Music, Inc. v. Columbia Broadcast System, Inc. , la NCAA non agiva come agente di vendita e che le vendite avvenivano in un contesto non competitivo mercato. Stevens ha valutato l'affermazione della NCAA secondo cui il piano televisivo ha migliorato la competitività del football universitario. Dal momento che il tribunale distrettuale non ha riscontrato efficienze procompetitive dall'accordo, Stevens ha respinto questa giustificazione. Ha anche detto che non c'era bisogno di penetrare nel mercato contro concorrenti "inesistenti". Anche Stevens ha respinto la difesa secondo cui il piano televisivo è stato progettato per proteggere la partecipazione dal vivo, affermando "L'argomento della NCAA secondo cui il suo piano televisivo è necessario per proteggere la partecipazione dal vivo non si basa sul desiderio di mantenere l'integrità del calcio universitario come prodotto distinto e attraente , ma piuttosto per il timore che il prodotto non si dimostri sufficientemente attraente per attirare la partecipazione dal vivo di fronte alla concorrenza dei giochi televisivi."

Anche la posizione della NCAA secondo cui l'interesse a mantenere un equilibrio competitivo giustificava il piano televisivo è stata respinta. Pur concordando con il desiderio di mantenere un tale equilibrio, Stevens ha notato che non c'erano prove che il piano fosse riuscito in quello sforzo. Confermata la decisione del tribunale distrettuale.

Dissenso

ritratto della giustizia Byron White
Justice Byron White, autore del dissenso

Il giudice Byron White , affiancato dal giudice William Rehnquist, dissentì dall'opinione della maggioranza. White, un'ex stella del football del college del Colorado , dichiarò che mentre l'atletica intercollegiale aveva una somiglianza superficiale con gli sport professionistici, era chiaro che altri obiettivi non commerciali giocavano il ruolo principale. Le sue azioni si basano sulla natura unica dell'atletica del college e White ha ritenuto che le restrizioni fossero ragionevoli. Avrebbe ribaltato il tribunale distrettuale. White non ha riscontrato la deferenza della maggioranza per i risultati economici della Corte distrettuale e non era convinto che l'Oklahoma e la Georgia avessero mostrato un aumento dei prezzi o una diminuzione della produzione.

Sviluppi successivi

Come diretta conseguenza di questa sentenza, sono stati trasmessi più giochi televisivi che hanno avuto l'effetto iniziale di ridurre i ricavi televisivi. Questa tendenza si è invertita e nel 2005 Notre Dame ha firmato un contratto con la NBC per trasmettere tutte le partite casalinghe per un periodo di cinque anni. Nel 2009-10, l' Università del Texas ad Austin ha riportato profitti di quasi 69 milioni di dollari solo dal calcio . La maggior parte di questi soldi è stata guadagnata in contratti televisivi prima che UT aggiungesse la propria Longhorn Network che pagherà circa $ 15 milioni all'anno. Le principali conferenze sono state rimescolate più volte, in modo più drammatico nei primi anni del 2010 e il panorama del football universitario è cambiato in modo significativo. Le singole università, le loro conferenze atletiche associate e le partite di bowling individuali continuano ad aumentare i loro flussi di entrate dalla televisione. Man mano che i profitti per le università e i loro dipartimenti di atletica sono cresciuti, alcuni hanno sostenuto che sia cresciuto anche il senso di sfruttamento dell'atleta dilettante.

Guarda anche

Note a piè di pagina

Riferimenti

link esterno