Homo erectus -Homo erectus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Homo erectus
Gamma temporale: 2–0.1  Ma
?
Pleistocene inferiorePleistocene superiore
Teschio dell'uomo di Pechino (replica) presentato al Museo Paleozoologico della Cina.jpg
Replica del cranio dell'uomo di Pechino al Museo Paleozoologico della Cina
Classificazione scientifica modificare
Regno: Animalia
Filo: Accordi
Classe: Mammalia
Ordine: primati
sottordine: Haplorhini
Infraordine: simiiformi
Famiglia: ominidi
sottofamiglia: Homininae
Tribù: Hominini
Genere: omo
Specie:
H. erectus
Nome binomiale
Homo erectus
( Dubois , 1893)
Sinonimi

Homo erectus (che significa "uomo in piedi ") è una specie estintadi uomo arcaico del Pleistocene , con la sua prima occorrenza circa 2 milioni di anni fa, e i suoi esemplari sono tra i primi membri riconoscibili del genere Homo . H. erectus è stato il primo antenato umano a diffondersi in tutta l'Eurasia, con una gamma continentale che si estende dalla penisola iberica a Giava . È probabile che lepopolazioni africane di H. erectus siano gli antenati di diverse specie umane, come H. heidelbergensis e H. antecessor , con il primo generalmente considerato l'antenato dei Neanderthal e dei Denisova , e talvolta anche degli umani moderni . Le popolazioni asiatiche di H. erectus possono essere ancestrali di H. floresiensis e forse di H. luzonensis . Come cronospecie , il momento della scomparsa di H. erectus è oggetto di controversia. Ci sono anche diverse sottospecie proposte con diversi livelli di riconoscimento. L'ultima popolazione conosciuta di H. erectus è H. e. soloensis da Giava, circa 117.000-108.000 anni fa.

H. erectus aveva un'andatura e proporzioni corporee simili a quelle umane ed è stata la prima specie umana ad aver esibito una faccia piatta, un naso prominente e una copertura di peli sul corpo forse radi. Sebbene le dimensioni del cervello superino certamente quelle delle specie ancestrali, la capacità variava ampiamente a seconda della popolazione. Nelle popolazioni più anziane, lo sviluppo del cervello sembrava cessare nella prima infanzia, suggerendo che la prole fosse ampiamente autosufficiente alla nascita, limitando così lo sviluppo cognitivo durante la vita. Tuttavia, i siti mostrano generalmente il consumo di animali di taglia medio-grande, come bovini o elefanti , e suggeriscono lo sviluppo di comportamenti predatori e di caccia coordinata. H. erectus è associato all'industria degli utensili in pietra acheulea , e si ipotizza che sia stato il primo antenato umano in grado di usare il fuoco, cacciare e raccogliere in gruppi coordinati, prendersi cura di membri del gruppo feriti o malati, e forse la navigazione e l'arte (sebbene esempi dell'arte sono controversi, e sono altrimenti rudimentali e pochi e lontani tra loro).

Gli uomini e le donne di H. erectus potrebbero essere più o meno della stessa taglia (cioè esibire un dimorfismo sessuale ridotto ) come gli esseri umani moderni, il che potrebbe indicare la monogamia in linea con le tendenze generali esibite nei primati. Le dimensioni, tuttavia, variavano ampiamente da 146-185 cm (4 ft 9 in-6 ft 1 in) di altezza e 40-68 kg (88-150 libbre) di peso. Non è chiaro se H. erectus fosse anatomicamente capace di parlare, anche se si ipotizza che comunicassero usando un proto-linguaggio .

Tassonomia

denominazione

Nonostante ciò che il naturalista inglese Charles Darwin aveva ipotizzato nel suo libro del 1871 Descent of Man , molti naturalisti evoluzionisti della fine del XIX secolo hanno postulato che l'Asia, non l'Africa, fosse il luogo di nascita dell'umanità in quanto si trova a metà strada tra Europa e America, fornendo percorsi di dispersione ottimali attraverso il mondo ( teoria fuori dall'Asia ). Tra questi c'era il naturalista tedesco Ernst Haeckel che sosteneva che la prima specie umana si fosse evoluta nell'ormai smentito ipotetico continente " Lemuria " in quello che oggi è il sud-est asiatico, da una specie che chiamò " Pithecanthropus alalus " ("uomo scimmia senza parole"). Si suppone che "Lemuria" sia sprofondata sotto l' Oceano Indiano , quindi non è stato possibile trovare fossili per dimostrarlo. Tuttavia, il modello di Haeckel ha ispirato lo scienziato olandese Eugène Dubois a viaggiare nelle Indie orientali olandesi . Poiché nessuna spedizione diretta aveva mai scoperto fossili umani (i pochi conosciuti erano stati tutti scoperti per caso) e l'economia era stata messa a dura prova dalla Lunga Depressione , il governo olandese si rifiutò di finanziare Dubois. Nel 1887 si arruolò nell'esercito olandese delle Indie Orientali come ufficiale medico, e nel 1887 riuscì ad assicurarsi un posto nelle Indie per cercare il suo " anello mancante " nel suo tempo libero. A Giava , trovò una calotta cranica nel 1891 e un femore nel 1892 ( Java Man ) risalenti al tardo Pliocene o all'inizio del Pleistocene presso il sito di Trinil lungo il fiume Solo , che chiamò " P.erectus ("uomo scimmia verticale") in 1893. Tentò senza successo di convincere la comunità scientifica europea di aver trovato un uomo scimmia che camminava eretto. Dato che all'epoca erano stati scoperti pochi fossili di antichi umani, in gran parte liquidarono le sue scoperte come una scimmia non umana malformata.

Il significato di questi fossili non sarebbe stato compreso fino alla scoperta del 1927 di ciò che il paleoantropologo canadese Davidson Black chiamò " Sinanthropus pekinensis " (Uomo di Pechino) nella grotta di Zhoukoudian vicino a Pechino , in Cina. Black ha fatto pressioni in tutto il Nord America e in Europa per ottenere finanziamenti per continuare a scavare nel sito, che da allora è diventato il sito di H. erectus più produttivo al mondo. Il continuo interesse per Java ha portato a ulteriori scoperte fossili di H. erectus a Ngandong ( Solo Man ) nel 1931, Mojokerto (Java Man) nel 1936 e Sangiran (Java Man) nel 1937. Il sito di Sangiran ha prodotto il cranio dell'Uomo di Giava meglio conservato. Il paleoantropologo ebreo Franz Weidenreich ha fornito gran parte della descrizione dettagliata di questo materiale in diverse monografie. Gli esemplari originali furono persi durante la seconda guerra sino-giapponese dopo un tentativo di contrabbandare fuori dalla Cina per la custodia. Rimangono solo i calchi .

Analogie tra Java uomo e uomo di Pechino ha portato Ernst Mayr per rinominare sia come Homo erectus nel 1950. In gran parte del 20 ° secolo, antropologi hanno discusso il ruolo di H. erectus in evoluzione umana . All'inizio del secolo, in parte a causa delle scoperte a Giava e Zhoukoudian, la convinzione che gli esseri umani moderni si siano evoluti per la prima volta in Asia era ampiamente accettata. Alcuni naturalisti, Charles Darwin il più eminente tra loro, teorizzarono che i primi antenati dell'uomo fossero africani. Darwin ha sottolineato che scimpanzé e gorilla, i parenti più stretti dell'uomo, si sono evoluti ed esistono solo in Africa.

Nel 1949, la specie fu segnalata nella Grotta di Swartkraans , in Sudafrica, dai paleoantropologi sudafricani Robert Broom e John Talbot Robinson , che la descrissero come " Telanthropus capensis ". Fossili di homo sono stati segnalati anche da grotte vicine, ma la loro designazione di specie è stata una discussione tumultuosa. Alcuni siti nordafricani hanno inoltre restituito resti di H. erectus , che inizialmente furono classificati come " Atlanthropus mauritanicus " nel 1951. A partire dagli anni '70, spinti in particolare da Richard Leakey , altri furono portati alla luce nell'Africa orientale principalmente ai Koobi Fora sito, Kenya, e Olduvai Gorge , Tanzania.

I fossili umani arcaici rinvenuti in tutta Europa erano assegnati a H. erectus , ma da allora sono stati separati come H. heidelbergensis a causa del lavoro dell'antropologo fisico britannico Chris Stringer .

Evoluzione

Mappa della distribuzione dei reperti di
mannaia del Pleistocene Medio ( Acheuleano )

È stato proposto che H. erectus si sia evoluto da H. habilis circa 2 Mya, anche se questo è stato messo in discussione perché coesistevano per almeno mezzo milione di anni. In alternativa, un gruppo di H. habilis potrebbe essere stato isolato a livello riproduttivo e solo questo gruppo si è sviluppato in H. erectus ( cladogenesi ).

Poiché i primi resti di H. erectus si trovano sia in Africa che in Asia orientale (in Cina già nel 2,1 Mya, in Sudafrica 2,04 Mya), si discute su dove si sia evoluto H. erectus . Uno studio del 2011 ha suggerito che è stato H. habilis a raggiungere l'Asia occidentale dall'Africa, che il primo H. erectus si è sviluppato lì e che il primo H. erectus si sarebbe poi disperso dall'Asia occidentale all'Asia orientale ( Uomo di Pechino ), Sud-est asiatico ( Giava Man ), di nuovo in Africa ( Homo ergaster ) e in Europa ( Tautavel Man ), evolvendosi infine negli umani moderni in Africa. Altri hanno suggerito che H. erectus / H. ergaster si sia sviluppato in Africa, dove alla fine si è evoluto negli esseri umani moderni.

H. erectus aveva raggiunto Sangiran , Giava, da 1,6 Mya, e una seconda e distinta ondata di H. erectus aveva colonizzato Zhoukoudian , Cina, circa 780 kya. I primi denti di Sangiran sono più grandi e più simili a quelli di H. erectus occidentale basale (ancestrale) e H. habilis che a quelli del derivato Zhoukoudian H. erectus . Tuttavia, i denti Sangiran successivi sembrano ridursi di dimensioni, il che potrebbe indicare un evento di colonizzazione secondaria di Giava da parte degli Zhoukoudian o di una popolazione strettamente correlata.

Sottospecie

" Wushan Man " è stato proposto come Homo erectus wushanensis , ma ora si pensa che sia basato su frammenti fossili di una scimmia non ominide estinta.

Dalla sua scoperta nel 1893 ( uomo di Giava ), c'è stata una tendenza nella paleoantropologia a ridurre il numero di specie proposte di Homo , al punto che H. erectus include tutte le forme precoci ( Paleolitico inferiore ) di Homo sufficientemente derivate da H. habilis e distinto dal primo H. heidelbergensis (in Africa noto anche come H. rhodesiensis ). A volte è considerata una specie polimorfa ad ampio raggio.

A causa di una così ampia gamma di variazioni, è stato suggerito che le antiche H. rudolfensis e H. habilis dovrebbero essere considerate varietà precoci di H. erectus . Il primitivo H. e. georgicus da Dmanisi , Georgia ha la più piccola capacità cerebrale di qualsiasi ominide del Pleistocene conosciuto (circa 600 cc), e la sua inclusione nella specie amplierebbe notevolmente la gamma di variazione di H. erectus per includere forse specie come H. rudolfensis , H. gautengensis , H. ergaster e forse H. habilis . Tuttavia, uno studio del 2015 ha suggerito che H. georgicus rappresenta una specie precedente e più primitiva di Homo derivata da una più antica dispersione di ominidi dall'Africa, con H. ergaster/erectus che potrebbe derivare da una dispersione successiva. H. georgicus a volte non è nemmeno considerato come H. erectus .

Si discute se l'africano H. e. ergaster è una specie a parte (e che H. erectus si è evoluto in Asia, poi migrato in Africa), oppure è la forma africana ( sensu lato ) di H. erectus ( sensu stricto ) . In quest'ultimo, è stato suggerito anche che H. ergaster rappresenti l'immediato antenato di H. erectus . È stato anche suggerito che H. ergaster invece di H. erectus , o qualche ibrido tra i due, fosse l'antenato immediato di altri umani arcaici e umani moderni. È stato proposto che l' H. erectus asiatico abbia diverse caratteristiche uniche di popolazioni non asiatiche ( autapomorfie ), ma non c'è un chiaro consenso su quali siano queste caratteristiche o se siano effettivamente limitate solo all'Asia. Sulla base di presunte caratteristiche derivate, il 120 ka Javan H. e. soloensis è stato proposto di aver speciato da H. erectus , come H. soloensis , ma questo è stato contestato perché la maggior parte delle caratteristiche craniche di base sono mantenute.

In un senso più ampio, H. erectus era stato per lo più sostituito da H. heidelbergensis circa 300 kya anni fa, con una possibile sopravvivenza tardiva di H. erectus soloensis a Giava di circa 117-108 kya.

Cranio di Dmanisi 3 (cranio fossile D2700 e mascella D2735, due dei tanti trovati a Dmanisi nel
Transcaucaso georgiano )

Discendenti e sinonimi

L'Homo erectus è la specie di Homo più longeva , essendo sopravvissuta per quasi due milioni di anni. Al contrario, l' Homo sapiens è emerso circa un terzo di milione di anni fa.

Per quanto riguarda molti umani arcaici , non c'è un consenso definito sul fatto che debbano essere classificati come sottospecie di H. erectus o H. sapiens o come specie separate.

Meganthropus , basato su fossili trovati a Giava, datati tra 1,4 e 0,9 Mya, è stato provvisoriamente raggruppato con H. erectus in contrasto con le precedenti interpretazioni di esso come una specie gigante dei primi umani, sebbene la letteratura più antica abbia collocato i fossili al di fuori dell'Homo del tutto. Zanolli et al. (2019) ha giudicato Meganthropus come un genere distinto di scimmie estinte.

Anatomia

Capo

Cranio di H. e. pekinensis che mostra una faccia piatta, un'arcata sopraccigliare pronunciata e una chiglia sagittale

L'Homo erectus presentava una faccia piatta rispetto agli ominidi precedenti; cresta sopraccigliare pronunciata; e un cranio basso e piatto. La presenza di chiglie sagittali , frontali e coronali , che sono piccole creste che corrono lungo queste linee di sutura , è stata proposta come prova di un significativo ispessimento del cranio, in particolare della volta cranica . Le analisi della scansione TC rivelano che non è così. Tuttavia, la parte squamosa dell'osso occipitale , in particolare la cresta occipitale interna , nella parte posteriore del cranio è notevolmente più spessa di quella degli esseri umani moderni, probabilmente un tratto basale (ancestrale). I reperti fossili indicano che H. erectus è stata la prima specie umana ad avere un naso sporgente, che generalmente si pensa si sia evoluto in risposta alla respirazione di aria secca per trattenere l'umidità. La psicologa americana Lucia Jacobs ha ipotizzato che il naso sporgente consentisse invece di distinguere la direzione da cui provengono i diversi odori (stereo olfatto) per facilitare la navigazione e la migrazione a lunga distanza.

La dimensione media del cervello di H. erectus asiatico è di circa 1.000 cc (61 cu in). Tuttavia, esemplari notevolmente più piccoli sono stati trovati a Dmanisi, Georgia ( H. e. georgicus ); Koobi Fora e Olorgesailie , Kenia; e forse Gona , in Etiopia. Nel complesso, la dimensione del cervello di H. erectus varia da 546 a 1.251 cc (33,3-76,3 cu in), che è maggiore della gamma di variazione osservata negli umani e negli scimpanzé moderni, sebbene inferiore a quella dei gorilla.

Dal punto di vista dentale, H. erectus ha lo smalto più sottile di qualsiasi ominide del Plio-Pleistocene. Lo smalto impedisce al dente di rompersi dai cibi duri, ma impedisce la tosatura attraverso i cibi duri. I corpi delle mandibole di H. erectus e di tutti i primi Homo sono più spessi di quelli degli umani moderni e di tutte le scimmie viventi. Il corpo mandibolare resiste alla torsione dalla forza del morso o dalla masticazione, il che significa che le loro mascelle potrebbero produrre stress insolitamente potenti mentre mangiano, ma l'applicazione pratica di ciò non è chiara. Tuttavia, i corpi mandibolari di H. erectus sono un po' più sottili di quelli del primo Homo . I premolari e i molari hanno anche una maggiore frequenza di fossette rispetto a H. habilis , suggerendo che H. erectus mangiasse cibi più fragili (che causano vaiolatura). Tutto ciò indica che la bocca dell'H. erectus era meno in grado di elaborare cibi duri e più a tagliare cibi più duri, riducendo così la varietà di alimenti che poteva elaborare, probabilmente come risposta all'uso di strumenti.

Corpo

Scheletro e ricostruzione del ragazzo Turkana di Mauricio Antón

Come gli esseri umani moderni, H. erectus variava ampiamente nelle dimensioni, che andavano da 146-185 cm (4 ft 9 in-6 ft 1 in) di altezza e 40-68 kg (88-150 lb) di peso, che si pensa sia dovuto a differenze regionali nel clima, nei tassi di mortalità e nella nutrizione. Come gli umani moderni e diversamente dalle altre grandi scimmie, non sembra esserci stata una grande disparità di dimensioni tra uomini e donne di H. erectus ( dimorfismo sessuale specifico per taglia ), sebbene non ci siano molti dati fossili a riguardo. La dimensione del cervello in due adulti di Koobi Fora misurava 848 e 804 cc (51,7 e 49,1 cu in), e un altro adulto significativamente più piccolo misurava 691 cc (42,2 cu in), il che potrebbe indicare dimorfismo sessuale, sebbene il sesso fosse indeterminato. Se H. erectus non ha mostrato dimorfismo sessuale, allora è possibile che siano stati i primi nella linea umana a farlo, sebbene la documentazione fossile frammentaria per le specie precedenti lo renda poco chiaro. Se sì, allora c'è stato un aumento sostanziale e improvviso dell'altezza femminile.

H. erectus aveva circa le stesse configurazioni e proporzioni degli arti degli umani moderni, il che implica una locomozione simile a quella umana. Anche le tracce di H. erectus vicino a Ileret , in Kenya, indicano un'andatura umana . Una spalla umana suggerisce un'abilità per il lancio ad alta velocità. Una volta si pensava che il ragazzo Turkana avesse 6 vertebre lombari invece delle 5 osservate negli esseri umani moderni e 11 invece di 12 vertebre toraciche , ma da allora questo è stato rivisto, e ora si ritiene che l'esemplare abbia mostrato una curvatura della colonna vertebrale simile a quella umana ( lordosi ) e lo stesso numero di rispettive vertebre.

Non è in gran parte chiaro quando gli antenati umani hanno perso la maggior parte dei loro peli corporei. L'analisi genetica suggerisce che l'elevata attività del recettore della melanocortina 1 , che produrrebbe una pelle scura, risale a 1.2 Mya. Ciò potrebbe indicare l'evoluzione della calvizie in questo periodo, poiché la mancanza di peli sul corpo avrebbe lasciato la pelle esposta a dannose radiazioni UV . È possibile che la pelle esposta sia diventata disadattiva solo nel Pleistocene, perché la crescente inclinazione della Terra (che ha anche causato le ere glaciali ) avrebbe aumentato il bombardamento della radiazione solare, il che suggerirebbe che la peluria sia emersa per la prima volta nelle australopitecine. Tuttavia, gli australopitechi sembrano aver vissuto ad altitudini molto più alte e molto più fredde, in genere 1.000-1.600 m (3.300-5.200 piedi) dove la temperatura notturna può scendere a 10 o 5 ° C (50 o 41 ° F) - quindi potrebbero aver richiedeva capelli per stare al caldo, a differenza del primo Homo che abitava altitudini più basse e più calde. Popolazioni a latitudini più elevate potenzialmente sviluppati pelle più chiara per evitare che la carenza di vitamina D . A un esemplare di H. erectus di 500-300 ka proveniente dalla Turchia è stato diagnosticato il primo caso noto di meningite tubercolare , che è tipicamente esacerbata nelle persone di pelle scura che vivono a latitudini più elevate a causa della carenza di vitamina D. Si ritiene generalmente che la mancanza di peli abbia facilitato la sudorazione, ma sono state proposte anche la riduzione del carico parassitario e la selezione sessuale .

Metabolismo

Vista frontale del teschio del bambino Mojokerto

L' esemplare bambino di 1,8 Ma Mojokerto di Giava, morto a circa 1 anno di età, presentava il 72-84% della dimensione media del cervello adulto, che è più simile alla traiettoria di crescita cerebrale più rapida delle grandi scimmie rispetto agli umani moderni. Ciò indica che H. erectus probabilmente non era cognitivamente paragonabile agli umani moderni, e che l'altizialità secondaria —un'infanzia prolungata e un lungo periodo di dipendenza dovuto alla grande quantità di tempo richiesta per la maturazione del cervello—si è evoluta molto più tardi nell'evoluzione umana, forse nel l'ultimo antenato comune dell'uomo moderno/Neanderthal. In precedenza si credeva che, basandosi sulla pelvi stretta del ragazzo Turkana, H. erectus potesse partorire in sicurezza solo un bambino con un volume cerebrale di circa 230 cc (14 cu in), pari a un tasso di crescita cerebrale simile a quello degli umani moderni per raggiungere la dimensione media del cervello adulto di 600-1.067 cc (36,6-65,1 cu in). Tuttavia, una pelvi femminile di 1,8 Ma di Gona, in Etiopia, mostra che i bambini di H. erectus con un volume cerebrale di 310 cc (19 cu in) avrebbero potuto essere partoriti in sicurezza, che è il 34-36% della dimensione media degli adulti, rispetto a 40 % negli scimpanzé e 28% negli esseri umani moderni. Questo è più in linea con le conclusioni tratte dal bambino Mojokerto. Un tasso di sviluppo più rapido potrebbe indicare una durata di vita prevista inferiore.

Sulla base di una massa media di 63 kg (139 libbre) per i maschi e 52,3 kg (115 libbre) per le femmine, il dispendio energetico totale (TEE), la quantità di calorie consumate in un giorno, è stato stimato in circa 2271,8 e 1909,5 kcal , rispettivamente. Questo è simile a quello del precedente Homo , nonostante un marcato aumento dell'attività e della capacità migratoria, probabilmente perché le gambe più lunghe di H. erectus erano più efficienti dal punto di vista energetico nei movimenti a lunga distanza. Tuttavia, la stima per le femmine di H. erectus è dell'84% superiore a quella per le femmine di Australopithecus , probabilmente a causa di un aumento delle dimensioni del corpo e di un tasso di crescita ridotto. Uno studio del 2011, ipotizzando un fabbisogno energetico elevato o di grassi alimentari in base all'abbondanza di selvaggina di grossa taglia nei siti di H. erectus , ha calcolato un TEE di 2.700-3.400 kcal di cui il 27-44% derivato dal grasso e il 44-62% del grasso di origine animale. In confronto, gli esseri umani moderni con un livello di attività simile hanno un DEE di 2.450 calorie, di cui il 33% deriva dal grasso e il 49% del grasso dagli animali.

Spessore osseo

Sezioni trasversali di H. erectus humeri cinese (ossa del braccio superiore) che mostrano
osso corticale estremamente ispessito

L' osso corticale (lo strato esterno dell'osso) è straordinariamente ispessito, in particolare nelle popolazioni dell'Asia orientale. Le calotte craniche sono state spesso confuse con i carapaci fossili di tartaruga , e il canale midollare nelle ossa lunghe (dove è immagazzinato il midollo osseo , negli arti) è estremamente ristretto ( stenosi midollare ). Questo grado di ispessimento si manifesta solitamente negli animali semiacquatici che usavano le loro ossa pesanti ( pachiosteosclerotiche ) come zavorre per aiutarli ad affondare, indotto dall'ipotiroidismo . Gli esemplari maschi hanno osso corticale più spesso rispetto alle femmine.

Non è in gran parte chiaro quale funzione avrebbe potuto svolgere. Tutti gli induttori patologici lascerebbero cicatrici o qualche altro indicatore normalmente non mostrato in H. erectus . Prima che venissero scoperti scheletri più completi, Weidenreich suggerì che H. erectus fosse una specie gigantesca, un osso ispessito necessario per sostenere il peso enorme. È stato ipotizzato che un'intensa attività fisica possa aver indotto l'ispessimento osseo, ma nel 1970 il biologo umano Stanley Marion Garn dimostrò che esiste una bassa correlazione tra i due almeno negli esseri umani moderni. Garn invece ha notato che razze diverse hanno spessori corticali medi diversi e ha concluso che è genetico piuttosto che ambientale. Non è chiaro se la condizione sia causata da un aumento dell'apposizione ossea (formazione ossea) o da un ridotto riassorbimento osseo , ma Garn ha notato che la stenosi è abbastanza simile alla condizione congenita negli esseri umani moderni indotta dall'iper-apposizione. Nel 1985, l'antropologa biologica Gail Kennedy sostenne il riassorbimento a causa dell'iperparatiroidismo causato dall'ipocalcemia ( carenza di calcio ), una conseguenza di uno spostamento nella dieta verso carne a basso contenuto di calcio. Kennedy non riusciva a spiegare perché il metabolismo del calcio di H. erectus non si fosse mai adattato. Nel 1985, la paleoantropologa americana Mary Doria Russell e colleghi hanno sostenuto che il toroide sopraorbitale è una risposta alla resistenza a forti sollecitazioni di flessione che si localizzano in quella regione quando viene applicata una forza significativa attraverso i denti anteriori, come quando si usa la bocca come terza mano per trasportare oggetti .

Nel 2004, Noel Boaz e Russel Ciochon hanno suggerito che fosse il risultato di una pratica culturale, in cui H. erectus si combatteva l'un l'altro con pugni, pietre o mazze per risolvere controversie o battaglie per i compagni, poiché il cranio è rinforzato in aree chiave. La mandibola è abbastanza robusta, capace di assorbire colpi pesanti (no "mascella di vetro"); la pesante cresta del sopracciglio protegge gli occhi e si trasforma in una barra che copre le orecchie, collegandosi completamente nella parte posteriore del cranio, il che significa che i colpi a ciascuna di queste regioni possono essere efficacemente dissipati attraverso il cranio; e la chiglia sagittale protegge la parte superiore della scatola cranica. Molte calotte craniche portano fratture solitamente debilitanti, come il cranio X dell'Uomo di Pechino, ma possono mostrare segni di sopravvivenza e guarigione. L'antropologo Peter Brown ha suggerito una ragione simile per l'insolito ispessimento del moderno cranio aborigeno australiano , il risultato di un rituale popolare nelle tribù dell'Australia centrale e sud-orientale in cui gli avversari si colpivano a vicenda con waddies (bastoncini) fino al knockout .

Cultura

Struttura sociale

Schema di tracce fossili da 2 siti vicino a Ileret , Kenya

L'unica prova fossile riguardante la composizione del gruppo di H. erectus proviene da 4 siti al di fuori di Ileret , in Kenya, dove 97 impronte fatte 1,5 Mya sono state probabilmente lasciate da un gruppo di almeno 20 individui. Uno di questi binari, in base alle dimensioni delle impronte, potrebbe essere stato un gruppo interamente maschile, il che potrebbe indicare che si trattava di un gruppo di lavoro specializzato, come una festa di caccia o di foraggiamento, o una pattuglia di confine. Se corretto, ciò indicherebbe anche la divisione sessuale del lavoro, che distingue le società umane da quelle delle altre grandi scimmie e dei mammiferi carnivori sociali. Nelle moderne società di cacciatori-raccoglitori che prendono di mira grandi prede, tipicamente i gruppi maschili vengono inviati per abbattere questi animali ad alto rischio e, a causa del basso tasso di successo, i gruppi femminili si concentrano su cibi più prevedibili. Sulla base della composizione e del comportamento dei gruppi di scimpanzé e babbuini della savana moderna , H. erectus ergaster potrebbe aver vissuto in grandi gruppi multi-maschi per difendersi dai grandi predatori della savana in un ambiente aperto ed esposto. Tuttavia, i modelli di dispersione indicano che H. erectus generalmente evitava le aree con un'alta densità di carnivori. È possibile che il legame maschio-maschio e le amicizie maschio-femmina fossero importanti aspetti sociali.

Poiché i bambini di H. erectus avevano tassi di crescita cerebrale più rapidi, H. erectus probabilmente non mostrava lo stesso grado di investimento materno o comportamenti educativi dei bambini degli umani moderni.

Poiché si pensa che gli uomini e le donne di H. erectus fossero più o meno della stessa taglia rispetto ad altre grandi scimmie (mostrano dimorfismo sessuale meno specifico per taglia), si ipotizza generalmente che vivessero in una società monogama, poiché il dimorfismo sessuale ridotto nei primati è tipicamente correlato con questo sistema di accoppiamento. Tuttavia, non è chiaro se H. erectus abbia effettivamente mostrato tassi di dimorfismo sessuale simili a quelli umani. Se lo facessero, significherebbe che solo l'altezza delle femmine è aumentata rispetto alla specie antenata, il che potrebbe essere stato causato da uno spostamento della fertilità o della dieta femminile e/o dalla riduzione della pressione sui maschi per le grandi dimensioni. Questo a sua volta potrebbe implicare un cambiamento nel comportamento femminile che ha reso difficile per i maschi mantenere un harem.

Cibo

L'aumento delle dimensioni del cervello è spesso direttamente associato a una dieta più ricca e al conseguente apporto calorico più elevato. Tuttavia, è anche possibile che l'intestino dispendioso dal punto di vista energetico sia diminuito di dimensioni in H. erectus , perché l'intestino di grande scimmia viene utilizzato per sintetizzare il grasso fermentando la materia vegetale che è stata sostituita dal grasso animale alimentare, consentendo a più energia di essere deviata al cervello crescita. Ciò avrebbe indirettamente aumentato le dimensioni del cervello mantenendo gli stessi fabbisogni calorici delle specie ancestrali. H. erectus potrebbe anche essere stato il primo ad utilizzare una strategia di caccia e raccolta di cibo come risposta alla crescente dipendenza dalla carne. Con un'enfasi sul lavoro di squadra, la divisione del lavoro e la condivisione del cibo, la caccia e la raccolta erano una strategia di sussistenza radicalmente diversa dalle modalità precedenti.

H. erectus mangiava principalmente selvaggina di grandi dimensioni, come l' elefante dalle zanne dritte (sopra)

I siti di H. erectus sono frequentemente associati ad assembramenti di selvaggina di medie e grandi dimensioni, vale a dire elefanti , rinoceronti , ippopotami , bovini e cinghiali . H. erectus avrebbe avuto notevoli avanzi, potenzialmente indicanti la condivisione del cibo o la conservazione a lungo termine del cibo (ad esempio mediante essiccazione) se la maggior parte dell'uccisione fosse stata effettivamente utilizzata. È possibile che H. erectus sia cresciuto fino a diventare abbastanza dipendente dalla carne di animali di grandi dimensioni e la scomparsa di H. erectus dal Levante è correlata con l'estinzione locale dell'elefante dalle zanne dritte . Tuttavia, la dieta di H. erectus probabilmente variava ampiamente a seconda della posizione. Ad esempio, nel sito di 780 ka Gesher Benot Ya'aqov , in Israele, gli abitanti raccolsero e mangiarono 55 diversi tipi di frutta, verdura, semi, noci e tuberi, e sembra che usassero il fuoco per arrostire certi materiali vegetali che altrimenti sarebbe stato immangiabile; consumavano anche anfibi, rettili, uccelli, invertebrati acquatici e terrestri, oltre alle solite grosse creature come elefanti e daini . Nel sito lacustre di 1,95 Ma FwJJ20 nel bacino orientale del Turkana , in Kenya, gli abitanti hanno mangiato (insieme ai soliti bovidi, ippopotami e rinoceronti) creature acquatiche come tartarughe , coccodrilli e pesci gatto . I grandi animali sono stati probabilmente recuperati in questo sito, ma le tartarughe e i pesci sono stati probabilmente raccolti vivi. Nel sito 1,5 Ma Trinil HK , Java, H. erectus probabilmente ha raccolto pesci e crostacei.

Dal punto di vista dentale, le bocche di H. erectus non erano versatili come quelle delle specie ancestrali, in grado di elaborare una gamma più ristretta di alimenti. Tuttavia, è probabile che siano stati utilizzati strumenti per elaborare cibi duri, influenzando così l'apparato masticatorio, e questa combinazione potrebbe invece aver aumentato la flessibilità alimentare (sebbene ciò non corrisponda a una dieta molto varia). Tale versatilità potrebbe aver permesso a H. erectus di abitare una serie di ambienti diversi e migrare oltre l'Africa.

Nel 1999, l'antropologo britannico Richard Wrangham ha proposto l'"ipotesi di cottura" che afferma che H. erectus si sia specializzato dall'ancestrale H. habilis a causa dell'uso del fuoco e della cottura 2 milioni di anni fa per spiegare il rapido raddoppio delle dimensioni del cervello tra queste due specie in soli un lasso di tempo di 500.000 anni e l'improvvisa comparsa del tipico piano del corpo umano. La cottura rende le proteine ​​più facilmente digeribili, accelera l'assorbimento dei nutrienti e distrugge i patogeni di origine alimentare, che avrebbero aumentato la capacità di trasporto naturale dell'ambiente, consentendo l'espansione delle dimensioni del gruppo, causando una pressione selettiva per la socialità, che richiederebbe una maggiore funzione cerebrale. Tuttavia, i reperti fossili non associano l'emergere di H. erectus con l'uso del fuoco né con alcun progresso tecnologico per quella materia, e la cottura probabilmente non è diventata una pratica comune fino a dopo 400 kya.

La dispersione dell'uomo di Giava attraverso il sud-est asiatico coincide con l' estirpazione della tartaruga gigante Megalochelys , probabilmente a causa della caccia eccessiva poiché la tartaruga sarebbe stata un bersaglio facile e lento che avrebbe potuto essere immagazzinato per un bel po' di tempo.

Tecnologia

Produzione di utensili

Gli elicotteri Oldowan non sono stati completamente sostituiti fino a circa 1 Mya

H. erectus è accreditato con l'invenzione dell'industria degli utensili in pietra acheuleana , succedendo all'industria di Oldow , e fu il primo a realizzare scaglie litiche più grandi di 10 cm (3,9 pollici) e asce manuali (che includono strumenti bifacciali con solo 2 lati, come picconi, coltelli e mannaie ). Sebbene più grandi e pesanti, queste asce avevano bordi più affilati e cesellati. Erano probabilmente strumenti multiuso, usati in una varietà di attività come tagliare carne, legno o piante commestibili. Nel 1979, il paleontologo americano Thomas Wynn dichiarò che la tecnologia acheuleana richiedeva intelligenza operativa (previsione e pianificazione), essendo notevolmente più complessa della tecnologia Oldowan che includeva litici di forma, sezioni trasversali e simmetria non standardizzate. Sulla base di ciò, ha concluso che non esiste una disparità significativa nell'intelligenza tra H. erectus e gli esseri umani moderni e che, negli ultimi 300.000 anni, l'aumento dell'intelligenza non è stato un fattore importante nell'evoluzione culturale. Tuttavia, un esemplare di H. erectus di 1 anno mostra che a questa specie mancava un'infanzia prolungata necessaria per un maggiore sviluppo del cervello, indicando capacità cognitive inferiori. Alcuni siti, probabilmente a causa dell'occupazione per diverse generazioni, presentano asce in massa, come a Melka Kunture , in Etiopia; Olorgesailie , Kenia; Isimila , Tanzania; e le cascate di Kalambo , nello Zambia.

La prima testimonianza della tecnologia acheuleana proviene dal Turkana occidentale , in Kenya, 1,76 milioni di anni fa. I litici Oldowan sono anche conosciuti dal sito, e i due sembravano coesistere per qualche tempo. I primi documenti sulla tecnologia acheuleana al di fuori dell'Africa risalgono a non più di 1 Mya, indicando che si è diffusa solo dopo una dispersione secondaria di H. erectus dall'Africa.

Su Java, H. erectus ha prodotto strumenti da conchiglie a Sangiran e Trinil. Pietre sferiche, che misurano 6-12 cm (2,4-4,7 pollici) di diametro, si trovano frequentemente nei siti del Paleolitico inferiore africano e cinese e sono state potenzialmente utilizzate come bolas ; se corretto, ciò indicherebbe la tecnologia delle corde e del cavo.

Fuoco

H. erectus è accreditato come il primo antenato umano ad aver usato il fuoco, sebbene la tempistica di questa invenzione sia dibattuta principalmente perché i fuochi da campo molto raramente e molto poco si conservano per lunghi periodi di tempo, per non parlare di migliaia o milioni di anni. I primi siti di incendio rivendicati sono in Kenya, FxJj20 a Koobi Fora e GnJi 1/6E nella Formazione Chemoigut , fin da 1,5 Mya, e in Sud Africa, Wonderwerk Cave , 1,7 Mya. Si pensa che i primi vigili del fuoco si siano semplicemente trasportati nelle caverne e abbiano mantenuto gli incendi naturali per lunghi periodi di tempo o solo sporadicamente quando si è presentata l'occasione. Il mantenimento degli incendi richiederebbe ai vigili del fuoco di conoscere materiali a combustione lenta come lo sterco. Il fuoco diventa notevolmente più abbondante nella più ampia documentazione archeologica dopo 400.000-300.000 anni fa, il che può essere spiegato come alcuni progressi nelle tecniche di gestione del fuoco avvenuti in questo momento o gli antenati umani hanno usato il fuoco solo in modo opportunistico fino a quel momento. È possibile che l'accensione del fuoco sia stata inventata, persa e reinventata più volte e indipendentemente da comunità diverse piuttosto che essere inventata in un posto e diffondersi in tutto il mondo. Le prime prove di focolari provengono da Gesher Benot Ya'aqov, Israele, oltre 700.000 anni fa, dove il fuoco è registrato in più strati in un'area vicino all'acqua, entrambi insoliti per gli incendi naturali.

L'illuminazione artificiale potrebbe aver portato a un aumento delle ore di veglia: gli esseri umani moderni hanno un periodo di veglia di circa 16 ore, mentre le altre scimmie sono generalmente sveglie solo dall'alba al tramonto e queste ore aggiuntive sono state probabilmente utilizzate per socializzare. Per questo motivo, l'uso del fuoco è probabilmente legato anche all'origine del linguaggio . L'illuminazione artificiale potrebbe anche aver reso possibile dormire a terra invece che sugli alberi, tenendo a bada i predatori terrestri.

La migrazione nel clima gelido dell'era glaciale in Europa potrebbe essere stata possibile solo a causa del fuoco, ma le prove dell'uso del fuoco in Europa fino a circa 400-300.000 anni fa sono notevolmente assenti. Se questi primi H. erectus europei non avevano fuoco, è in gran parte poco chiaro come si mantenessero al caldo, evitassero i predatori e preparassero grasso animale e carne per il consumo; e i fulmini sono meno comuni più a nord, il che equivale a una ridotta disponibilità di incendi naturali. È possibile che sapessero solo come mantenere gli incendi in determinati ambienti nei paesaggi e preparassero il cibo a una certa distanza da casa, il che significa che le prove di incendio e le prove di attività degli ominidi sono distanziate l'una dall'altra. In alternativa, H. erectus potrebbe essersi spinto più a nord solo durante i periodi interglaciali più caldi - quindi non richiedendo fuoco, conservazione del cibo o tecnologia per l'abbigliamento - e i loro schemi di dispersione indicano che generalmente sono rimasti a latitudini medio-basse più calde. Si discute se l' H. e. pekinensis abitanti di Zhoukoudian , nel nord della Cina, erano in grado di controllare gli incendi già nel 770 kya per stare al caldo in quello che potrebbe essere stato un clima relativamente freddo.

Costruzione

Ricostruzione di una dimora Terra Amata

Nel 1962, un cerchio di 366 cm × 427 cm × 30 cm (12 piedi × 14 piedi × 1 piede) realizzato con rocce vulcaniche è stato scoperto nella gola di Olduvai . A intervalli di 61-76 cm (2-2,5 piedi), le rocce erano accatastate fino a 15-23 cm (6-9 pollici) di altezza. La paleoantropologa britannica Mary Leakey suggerì che i pali di roccia fossero usati per sostenere pali conficcati nel terreno, forse per sostenere un frangivento o una capanna ruvida. Alcune tribù nomadi moderne costruiscono simili pareti rocciose basse su cui costruire rifugi temporanei, piegando rami eretti come pali e usando erbe o pelli di animali come schermo. Risalente a 1,75 milioni di anni fa, è la più antica testimonianza dichiarata di architettura.

In Europa, a Bilzingsleben, in Germania, sono state rivendicate prove di strutture abitative costruite risalenti o successive all'Holstein Interglaciale (che iniziò 424 kya); Terra Amata , Francia; e Fermanville e Saint-Germain-des-Vaux in Normandia . La più antica testimonianza di un'abitazione (e di un falò) in Europa proviene da Přezletice , Repubblica Ceca, 700 kya durante l' Interglaciale Cromerico . La base di questa abitazione misurava circa 3 m × 4 m (9,8 ft × 13,1 ft) all'esterno e 3 m × 2 m (9,8 ft × 6,6 ft) all'interno, ed è considerata una capanna di superficie solida, probabilmente con un tetto a volta fatto di grossi rami o pali sottili, sostenuto da una fondazione di grandi rocce e terra, e probabilmente funzionava come campo base invernale.

La prima prova di abitazione in grotta è Wonderwerk Cave, Sud Africa, circa 1,6 Mya, ma le prove dell'uso delle caverne a livello globale sono sporadiche fino a circa 600 kya.

Capi di abbigliamento

Ricostruzione del ragazzo Turkana con abiti leggeri di Adrie e Alfons Kennis al Museo di Neanderthal

Non è in gran parte chiaro quando sia stato inventato l'abbigliamento, con la prima stima che risale a 3 Mya per compensare la mancanza di peli sul corpo isolanti. È noto che i pidocchi del capo e dei pidocchi del corpo (questi ultimi possono abitare solo individui vestiti) per gli esseri umani moderni differivano di circa 170 kya, ben prima che gli umani moderni lasciassero l'Africa, il che significa che i vestiti erano già ben utilizzati prima di incontrare climi freddi. Si pensa che uno dei primi usi della pelle animale sia stato per l'abbigliamento, e i più antichi raschietti per la pelle risalgono a circa 780 kya, sebbene ciò non sia indicativo dell'abbigliamento.

marinara

I manufatti acheuleani scoperti su isole isolate che non sono mai state collegate alla terraferma nel Pleistocene possono mostrare la navigazione da parte di H. erectus già nel 1 Mya in Indonesia. Erano arrivati ​​sulle isole di Flores , Timor e Roti , cosa che avrebbe richiesto l'attraversamento dello stretto di Lombok (la linea di Wallace ), almeno prima dell'800 kya. È anche possibile che siano stati anche i primi marinai europei e abbiano attraversato lo stretto di Gibilterra tra il Nord Africa e la Spagna. Un'analisi genetica del 2021 di queste popolazioni insulari di H. erectus non ha trovato prove di incroci con gli esseri umani moderni. La capacità di navigazione dimostrerebbe che H. erectus aveva una grande capacità di pianificazione, probabilmente mesi prima del viaggio.

Allo stesso modo, l' Homo luzonensis è datato tra 771.000 e 631.000 anni fa. Poiché Luzon è sempre stata un'isola del Quaternario, gli antenati di H. luzonensis avrebbero dovuto effettuare una sostanziale traversata marittima e attraversare la linea Huxley.

Assistenza sanitaria

Cranio di un sdentato H. e. georgicus

Il primo esempio probabile di infermità dei membri del gruppo malati è un 1,77 Ma H. e. georgicus che aveva perso tutti i denti tranne un dente a causa dell'età o di malattie gengivali , il primo esempio di grave compromissione della masticazione, ma è sopravvissuto ancora per diversi anni dopo. Tuttavia, è possibile che gli australopitecini fossero in grado di prendersi cura dei membri del gruppo debilitati. Incapace di masticare, questo H. e. georgicus probabilmente mangiava cibi vegetali o animali morbidi, possibilmente con l'assistenza di altri membri del gruppo. Si pensa che i gruppi ad alta latitudine siano stati prevalentemente carnivori, mangiando tessuti molli come il midollo osseo o il cervello, il che potrebbe avere un aumento dei tassi di sopravvivenza per gli individui senza denti.

Al ragazzo Turkana di 1,5 Ma è stata diagnosticata un'ernia del disco spinale giovanile e, poiché questo esemplare era ancora in crescita, ciò ha causato una certa scoliosi (curvatura anomala della colonna vertebrale). Questi di solito causano dolore lombare ricorrente e sciatica (dolore che scorre lungo la gamba) e probabilmente hanno limitato il ragazzo Turkana nel camminare, piegarsi e altre attività quotidiane. L'esemplare sembra essere sopravvissuto fino all'adolescenza, il che evidenzia una cura di gruppo avanzata.

L'esemplare di uomo di Giava da 1.000-700 ka presenta un notevole osteocita sul femore, probabile malattia ossea di Paget , e osteopetrosi , ispessimento dell'osso, probabilmente derivante da fluorosi scheletrica causata dall'ingestione di cibo contaminato da ceneri vulcaniche piene di fluoro (come il campione è stato trovato in strati pieni di cenere ). Il bestiame che pascola sui campi ricoperti di cenere vulcanica in genere muore per intossicazione acuta entro pochi giorni o settimane.

Arte e rituali

Repliche della " Venere di Tan-Tan " (a sinistra) e della " Venere di Berekhat Ram " (a destra)

Una conchiglia di Pseudodon incisa DUB1006-fL con segni geometrici potrebbe essere la prova della prima creazione artistica, risalente al 546-436 kya. Le capacità artistiche potrebbero essere considerate una prova del pensiero simbolico, che è associato alla cognizione e al comportamento moderni. Nel 1976, l'archeologo americano Alexander Marshack ha affermato che le linee incise su una costola di bue, associate ai litici acheuleani, da Pech de l'Azé , in Francia, sono simili a un disegno a meandro trovato nell'arte rupestre umana moderna del Paleolitico superiore. Tre perle di guscio d'uovo di struzzo associate ai litici acheuliani sono state trovate nell'Africa nordoccidentale, le prime perline a disco mai trovate, e perle a disco acheuliane sono state trovate anche in Francia e Israele. Si ipotizza che la " Venere di Tan-Tan " e la " Venere di Berekhat Ram " del Pleistocene medio siano state create da H. erectus per assomigliare a una forma umana. Erano per lo più formati da agenti atmosferici naturali, ma leggermente modificati per enfatizzare alcuni solchi per suggerire l'attaccatura dei capelli, gli arti e gli occhi. Il primo ha tracce di pigmenti sul lato anteriore, forse indicando che era colorato.

H. erectus è stato anche il primo essere umano ad aver raccolto intenzionalmente pigmenti di colore rosso, vale a dire l' ocra , registrato già nel Pleistocene medio. Si ipotizza che grumi ocra a Olduvai Gorge , in Tanzania, associati all'1.4 Ma Olduvai Hominid 9, e ad Ambrona , in Spagna, che risalgono al 424-374 kya, siano stati colpiti da un martello e appositamente sagomati e tagliati. A Terra Amata, in Francia, che risale al 425-400 o 355-325 kya, sono state recuperate ocre rosse, gialle e marroni in associazione con strutture polari; l'ocra è stato probabilmente riscaldato per ottenere una gamma di colori così ampia. Poiché non è chiaro se H. erectus avrebbe potuto usare l'ocra per qualsiasi applicazione pratica, la collezione di ocra potrebbe indicare che H. erectus è stato il primo essere umano ad aver esibito un senso estetico e a pensare oltre la semplice sopravvivenza. Si ipotizza che le specie umane successive abbiano usato l'ocra come vernice per il corpo, ma nel caso di H. erectus , è contestato se la vernice per il corpo fosse stata usata così presto nel tempo. Inoltre, non è chiaro se questi pochi esempi non siano semplicemente incidenti isolati di uso dell'ocra, poiché l'ocra è molto più diffusa nei siti del Paleolitico medio e superiore attribuiti a Neanderthal e H. sapiens .

Nel 1935, l'antropologo ebreo tedesco Franz Weidenreich ipotizzò che gli abitanti del sito cinese dell'Uomo di Pechino di Zhoukoudian fossero membri di un culto del cranio del Paleolitico inferiore perché i crani mostravano tutti colpi fatali alla testa, rompendo il forame magno alla base del cranio , in generale mancanza di aspetti facciali conservati, un modello apparentemente coerente di rottura sulla mandibola e mancanza di resti post-cranici (elementi che non sono il cranio). Credeva che gli abitanti fossero cacciatori di teste e spaccava i teschi e mangiava il cervello delle loro vittime. Tuttavia, anche la ricerca di animali e le forze naturali come le inondazioni possono infliggere lo stesso tipo di danno ai crani e non ci sono prove sufficienti per suggerire la caccia all'uomo o il cannibalismo.

Nel 1999, gli scrittori scientifici britannici Marek Kohn e Steven Mithen dissero che molte asce manuali non mostravano usura e venivano prodotte in massa, e conclusero che questi litici simmetrici a forma di lacrima funzionavano principalmente come strumenti di visualizzazione in modo che i maschi potessero dimostrare la loro idoneità alle femmine in qualche rituale di corteggiamento, e sono stati scartati in seguito. Tuttavia, un'apparente mancanza di usura segnalata è probabilmente dovuta alla mancanza di studi sull'usura e solo pochi siti producono una somma esorbitante di asce manuali probabilmente a causa dell'accumulo graduale nel corso delle generazioni anziché della produzione di massa.

Lingua

Nel 1984, la colonna vertebrale del ragazzo Turkana adolescente di 1,6 Ma ha indicato che questo individuo non aveva muscoli respiratori adeguatamente sviluppati per produrre la parola. Nel 2001, gli antropologi americani Bruce Latimer e James Ohman hanno concluso che il ragazzo Turkana era affetto da displasia scheletrica e scoliosi . Nel 2006, l'antropologo americano Marc Meyer e colleghi hanno descritto un 1.8 Ma H. e. georgicus come avente una colonna vertebrale all'interno della gamma di variazione delle moderne spine umane, sostenendo che il ragazzo Turkana aveva una stenosi spinale e quindi non era rappresentativo della specie. Inoltre, poiché considerava H. e. georgicus antenato di tutti gli H. erectus non africani , Meyer concluse che i muscoli respiratori di tutti gli H. erectus (almeno non ergaster ) non avrebbero impedito la vocalizzazione o la produzione del linguaggio. Tuttavia, nel 2013 e 2014, l'antropologa Regula Schiess e colleghi hanno concluso che non vi sono prove di difetti congeniti nel ragazzo Turkana e hanno considerato l'esemplare rappresentativo della specie.

Dal punto di vista neurologico, tutti gli Homo hanno cervelli configurati in modo simile e, allo stesso modo, le aree di Broca e Wernicke (responsabili della formulazione delle frasi e della produzione del linguaggio negli umani moderni) di H. erectus erano paragonabili a quelle degli umani moderni. Tuttavia, questo non è indicativo di nulla in termini di capacità linguistiche, poiché anche grandi scimpanzé possono espandere l'area di Broca in modo simile, e non è chiaro se queste aree fungessero da centri linguistici negli umani arcaici. Un esemplare di H. erectus di 1 anno mostra che un'infanzia prolungata per consentire la crescita del cervello, che è un prerequisito nell'acquisizione del linguaggio, non è stata mostrata in questa specie.

L' osso ioide sostiene la lingua e rende possibile la modulazione del tratto vocale per controllare tono e volume. Un osso ioide di H. erectus da 400 ka proveniente da Castel di Guido , Italia, è a forma di barra, più simile a quello di altri Homo che a quello di scimmie non umane e Australopithecus, ma è privo di impronte muscolari, ha una forma a scudo corpo, ed è implicito che avesse ridotto le corna più grandi, il che significa che H. erectus mancava di un apparato vocale simile all'uomo e quindi di prerequisiti anatomici per un moderno livello di linguaggio umano. L'aumento delle dimensioni del cervello e della complessità culturale in tandem con il perfezionamento tecnologico, e l'ipotesi che i Neanderthal articolati e gli esseri umani moderni possano aver ereditato le capacità linguistiche dall'ultimo antenato comune, potrebbe indicare che H. erectus abbia usato un proto-linguaggio e abbia costruito la struttura di base che lingue a pieno titolo sarebbero alla fine costruite intorno. Tuttavia, questo antenato potrebbe essere stato invece H. heidelbergensis , poiché un osso ioide di un esemplare di H. heidelbergensis di 530 ka dalla grotta spagnola Sima de los Huesos è come quello degli umani moderni, e un altro esemplare della stessa area mostra una capacità uditiva abbastanza sensibile da captare il linguaggio umano.

Estinzione

L'ultima occorrenza nota di Homo erectus risale a 117.000-108.000 anni fa a Ngandong , Giava , secondo uno studio pubblicato nel 2019.

Nel 2020 i ricercatori hanno riferito che l' Homo erectus e l' Homo heidelbergensis hanno perso più della metà della loro nicchia climatica - clima a cui si erano adattati - spazio, senza corrispondente riduzione dell'estensione fisica, poco prima dell'estinzione e che il cambiamento climatico ha svolto un ruolo sostanziale nelle estinzioni del passato. specie omosessuali .

fossili

Homo erectus KNM ER 3733 cranio reale

La grotta inferiore della grotta Zhoukoudian, in Cina, è uno dei siti archeologici più importanti del mondo. Sono stati trovati resti di 45 individui di homo erectus e migliaia di strumenti recuperati. La maggior parte di questi resti andò persa durante la seconda guerra mondiale, ad eccezione di due elementi postcranici che furono riscoperti in Cina nel 1951 e quattro denti umani provenienti da "Dragon Bone Hill".

Nuove prove hanno dimostrato che l' Homo erectus non ha ossa della volta particolarmente spesse, come si pensava in precedenza. I test hanno dimostrato che né l' Homo erectus asiatico né quello africano avevano ossa della volta particolarmente grandi.

Fossili individuali

Alcuni dei principali fossili di Homo erectus :

Galleria

Guarda anche

Generale:

Riferimenti

Ulteriori letture

link esterno