Frontiero contro Richardson -Frontiero v. Richardson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Frontiero v. Richardson
Sigillo della Corte Suprema degli Stati Uniti
Discussione 17 gennaio 1973
Decisa 14 maggio 1973
Nome completo del caso Sharron A. Frontiero e Joseph Frontiero contro Elliot L. Richardson, Segretario alla Difesa, et al.
Citazioni 411 US 677 ( più )
93 S. Ct. 1764; 36 L. Ed. 2d 583; 1973 US LEXIS 153; 9 Fiera Empl. Prac. Cas. ( BNA ) 1253; 5 Empl. Prac. Dicembre ( CCH ) ¶ 8609
Caso storico
Prior Frontiero v. Laird , 341 F. Supp. 201 ( MD Ala. ), Probabile giurisdizione annotata , 409 US 840 (1972)
Successivo Nessuna
Holding
Qualsiasi regime legale che traccia una linea netta tra i sessi al solo scopo di raggiungere la convenienza amministrativa richiede necessariamente un trattamento dissimile per uomini e donne che si trovano in una situazione simile e quindi implica il tipo di scelta legislativa arbitraria vietata dalla Costituzione.
Appartenenza al tribunale
Capo della giustizia
Warren E. Burger
Giudici associati
William O. Douglas  · William J. Brennan Jr.
Potter Stewart  · Byron White
Thurgood Marshall  · Harry Blackmun
Lewis F. Powell Jr.  · William Rehnquist
Opinioni di casi
Pluralità Brennan, affiancato da Douglas, White, Marshall
Concorrenza Stewart
Concorrenza Powell, affiancato da Burger, Blackmun
Dissenso Rehnquist
Leggi applicate
Const. modificare. XIV ; 37 USC §§ 401, 403; 10 USC §§ 1072, 1076

Frontiero v. Richardson , 411 US 677 (1973), è stato un caso storico della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha deciso che i benefici dati dalle forze armate statunitensi alla famiglia dei membri in servizio non possono essere distribuiti in modo diverso a causa del sesso. Frontiero è una decisione importante sotto diversi aspetti, incluso il fatto che ha informato l'establishment militare che in termini di retribuzione, indennità e trattamento generale, le donne devono essere considerate sullo stesso piano degli uomini. Tuttavia, la Corte non ha emesso una decisione ampia che richiedeva ai militari di provare nei tribunali le ragioni per escludere le donne dalle posizioni di combattimento.

sfondo

Sharron Frontiero, un sottotenente nella United States Air Force , applicato per l'alloggio e benefici medici per il marito, Giuseppe, il quale ha affermato come "dipendente". Mentre i militari potevano rivendicare le loro mogli come dipendenti e ottenere benefici per loro automaticamente, le donne di servizio dovevano dimostrare che i loro mariti dipendevano da loro per più della metà del loro sostegno. Giuseppe non si qualificava in base a questa regola e quindi non poteva ottenere benefici. Sharron ha citato in giudizio e il caso è stato presentato in appello alla Corte Suprema. Il tenente Frontiero era rappresentato da Joseph J. Levin, Jr., del Southern Poverty Law Center , che ha discusso il caso davanti alla Corte a suo nome. Anche il futuro giudice Ruth Bader Ginsburg , che rappresentava l' ACLU come amicus curiae , fu autorizzato dalla Corte a discutere a favore di Frontiero. Era la prima volta che pronunciava una discussione orale davanti alla corte. A quel tempo Ginsburg era solo un avvocato legale per conto dei diritti delle donne. Mentre si preparava per l'appello del 1972 nel caso, la fazione SPLC aveva contattato Ginsburg per chiedere aiuto, riconoscendo la sua parziale vittoria nel caso Reed v. Reed di solo un anno prima, 1971. Ginsburg sostenne il "rigoroso controllo" classificazione da mantenere quando si esamina qualsiasi caso coinvolto nella discriminazione di genere. La sua comparizione davanti alla corte è durata una discussione di 10 minuti. Verso la fine, ha detto: "Chiedendo alla Corte di dichiarare il sesso un criterio sospetto, amicus sollecita una posizione dichiarata con la forza nel 1837 da Sarah Grimké, nota abolizionista e sostenitrice della parità di diritti per uomini e donne", ha affermato Ginsburg. “Ha parlato non elegantemente, ma con inconfondibile chiarezza. Ha detto: 'Non chiedo alcun favore per il mio sesso. Tutto quello che chiedo ai nostri fratelli è che ci tolgano i piedi dal collo '". 

Parere della Corte

Una pluralità della Corte (i giudici Douglas , White , Marshall e Brennan , che hanno scritto l'opinione della pluralità) hanno ritenuto incostituzionale la politica di beneficienza dei militari, perché non c'era motivo per cui le mogli militari avessero bisogno di benefici più dei mariti militari situati in una posizione simile. L'Air Force ha sostenuto che la politica aveva lo scopo di risparmiare sui costi amministrativi non costringendo la burocrazia militare a determinare che ogni moglie fosse in realtà una dipendente. Il giudice Brennan ha respinto questo argomento, affermando che, sebbene come questione empirica più mogli che mariti dipendono per il sostegno dai loro coniugi, tuttavia, concedendo automaticamente benefici alle mogli che potrebbero non essere veramente a carico, l'Air Force potrebbe effettivamente perdere denaro perché di questa politica - e l'Air Force non aveva presentato prove del contrario.

Ancora più importante, la pluralità ha sostenuto uno standard rigoroso di controllo giudiziario per quelle leggi e regolamenti che classificano sulla base del sesso, invece che su una mera revisione su base razionale . (Vedere la sezione appropriata dell'articolo sulla clausola sulla parità di protezione per ulteriori informazioni sui diversi livelli di controllo della parità di protezione.) Uno standard di revisione più elevato, sosteneva la pluralità, era necessario a causa della "lunga e sfortunata storia americana di discriminazione sessuale":

[La] caratteristica del sesso spesso non ha alcuna relazione con la capacità di agire o di contribuire alla società. Di conseguenza, le distinzioni legali tra i sessi spesso hanno l'effetto di relegare invidiosamente l'intera classe di donne a uno status giuridico inferiore, senza riguardo alle capacità effettive dei suoi membri individuali. [Citazioni omesse.]

L'applicazione da parte della pluralità del " controllo rigoroso " non è stata adottata nei casi successivi per valutare le richieste di discriminazione di genere; invece, il cosiddetto " controllo intermedio " è stato adottato in Craig v. Boren (1976).

Opinioni concorrenti e dissenzienti

I giudici Blackmun e Powell e il giudice capo Burger hanno concordato nel risultato, ma, in un parere scritto dal giudice Powell, hanno rifiutato di decidere se la discriminazione sulla base del sesso dovesse attirare un controllo rigoroso. Il giudice Powell ha fornito due ragioni per lasciare aperta questa questione. In primo luogo, tale determinazione non era necessaria per decidere il caso al bar, poiché il risultato è stato "abbondantemente" supportato dalla precedente decisione della Corte in Reed contro Reed . In secondo luogo, il giudice Powell ha scritto che il "rinvio" su questa questione è stato sostenuto dal dibattito in corso sull'emendamento sulla parità di diritti che, se adottato, risolverebbe la questione con precisione e "rappresenterebbe la volontà delle persone compiuta nel modo prescritto dalla Costituzione. . " Anche il giudice Stewart è stato d'accordo nel risultato, ma non ha detto nulla sull'Equal Rights Amendment; invece, ha solo affermato di essere d'accordo sul fatto che gli statuti in questione "operino un'infida discriminazione in violazione della Costituzione". Il giudice Rehnquist dissentì. Così, Frontiero ha vinto la sua causa con un voto di 8 a 1.

Guarda anche

Appunti

Ulteriore lettura

  • Di base, Christine (2004). "Controllo rigoroso e rivoluzione sessuale: Frontiero v. Richardson ". Journal of Contemporary Legal Issues . 14 : 117. ISSN  0896-5595 .
  • McKenny, Betsy B. (1974). " Frontiero v. Richardson : caratterizzazione delle classificazioni basate sul sesso". Columbia Human Rights Law Review . 6 : 239. ISSN  0090-7944 .

link esterno