ALPAC - ALPAC

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

L'ALPAC ( Automatic Language Processing Advisory Committee ) era un comitato di sette scienziati guidato da John R. Pierce , istituito nel 1964 dal governo degli Stati Uniti al fine di valutare i progressi nella linguistica computazionale in generale e nella traduzione automatica in particolare. Il suo rapporto, pubblicato nel 1966, ha acquisito notorietà per essere stato molto scettico nei confronti della ricerca condotta finora nella traduzione automatica e per sottolineare la necessità di una ricerca di base nella linguistica computazionale; questo alla fine ha indotto il governo degli Stati Uniti a ridurre drasticamente il finanziamento dell'argomento.

L'ALPAC è stato istituito nell'aprile 1964 con John R. Pierce come presidente.

Il comitato era composto da:

  1. John R. Pierce , che all'epoca lavorava per i Bell Telephone Laboratories
  2. John B. Carroll , psicologo dell'Università di Harvard
  3. Eric P. Hamp , linguista dell'Università di Chicago
  4. David G. Hays , un ricercatore di traduzione automatica di RAND Corporation
  5. Charles F. Hockett , linguista della Cornell University
  6. Anthony G. Oettinger , ricercatore in traduzione automatica presso l'Università di Harvard
  7. Alan Perlis , un ricercatore di intelligenza artificiale del Carnegie Institute of Technology

La testimonianza è stata ascoltata da:

Le raccomandazioni finali di ALPAC (p. 34) erano, quindi, che la ricerca dovrebbe essere supportata su:

  1. metodi pratici per la valutazione delle traduzioni ;
  2. mezzi per accelerare il processo di traduzione umana;
  3. valutazione della qualità e del costo di varie fonti di traduzione;
  4. ricerca sull'utilizzo di traduzioni, per salvaguardarsi dalla produzione di traduzioni che non vengono mai lette;
  5. studio dei ritardi nel processo di traduzione globale e mezzi per eliminarli, sia nelle riviste che nelle singole voci;
  6. valutazione della velocità e del costo relativi di vari tipi di traduzione assistita;
  7. adattamento dei processi di editing e produzione meccanizzati esistenti nella traduzione;
  8. il processo di traduzione globale; e
  9. produzione di opere di riferimento adeguate per il traduttore, compreso l'adattamento di glossari che ora esistono principalmente per la ricerca automatica del dizionario nella traduzione automatica

Guarda anche

Riferimenti

  • John R. Pierce , John B. Carroll, et al., Language and Machines - Computers in Translation and Linguistics . Rapporto ALPAC, National Academy of Sciences, National Research Council, Washington, DC, 1966.
  • Rapporto ALPAC , linguaggio e macchine - Computer in traduzione e linguistica. Un rapporto del Comitato consultivo per l'elaborazione automatica del linguaggio, Washington, DC, 1966

link esterno